Giornale di approfondimento economico della BCC di Buonabitacolo

Siria – Liberata Raqqa. 3.250 persone, tra cui 1.130 civili, sono morte.

redazione

E’ di 3.250 morti, di cui 1.130 civili, il bilancio delle vittime della battaglia per la liberazione di Raqqa lanciata da un’alleanza curdo-araba sostenuta da Washington lo scorso giugno per cacciare i jihadisti dello Stato Islamico (Isis) dalla città dichiarata nell’estate del 2014 ‘capitale’ del Califfato. Il calcolo è stato fatto dall’Osservatorio siriano per i diritti umani, una Ong con sede a Londra che conta su una vasta rete di attivisti in tutto il Paese. Intanto le forze democratiche siriane (SDF), un’alleanza di combattenti curdi e arabi siriani sostenuti da Washington, hanno preso il pieno controllo di Raqqa, capitale nel nord della Siria dello Stato Islamico (Isis) sconfiggendo i jihadisti dopo una battaglia durata più di quattro mesi. Una vittoria che rappresenta un nuovo chiudo battuto nella bara del gruppo jihadista crollato grazie a martellanti offensive lanciate su più fronti sia in Siria che in Iraq. All’interno di Raqqa, i combattenti di SDF hanno celebrato la vittoria sollevando la loro bandiera gialla nella piazza centrale al Naim tristamente nota come “La Piazza delle Esecuzioni” per essere stata utilizzata dai tagliagola per eliminare quelli che consideravano nemici del loro Islam. “La rotatoria dell’inferno ora è tornata nuovamente Piazza Al-Naim”, gridavano i combattenti, circondati da edifici crollati e automobili carbonizzate nella feroce battaglia per la città. L’offensiva per liberare Raqqa è stata lanciata da SDF nel mese di giugno, dopo mesi di combattimenti per circondare la città. Ieri sono stati eliminati gli ultimi cento combattenti rimasti nelle loro posizioni nell’ospedale principale e nello stadio municipale. “Tutto è finito in Raqqa, le nostre forze hanno assunto il pieno controllo di Raqqa”, ha detto alla France Presse il portavoce dell’alleanza Talal Sello, prima di aggiungere che ora l’SDF sta bonificando la città anche per cercare eventuali combattenti rimasti nascosti. “Le operazioni militari di Raqqa sono finite, ma sono in corso operazioni di ricerca per scoprire cellule dormienti che potrebbero essere rimaste e rimuovere le mine”, ha detto.