Giornale di approfondimento economico della BCC di Buonabitacolo

Sanza (SA) – Un successo straordinario per il dibattito sullo sport

di Giuseppina Citera

Nell’intenso programma degli eventi dell’estate sanzese, c’è spazio anche per lo sport. Stiamo parlando dell’iniziativa promossa da “Gli amici della Morra” giunta alla quinta edizione, iniziata ieri, presso il Centro di Educazione Ambientale, in località Salemme, con il dibattito sullo sport organizzato dall’amministrazione comunale. Al saluto istituzionale dell’assessore alla Cultura, Antonella Confuorto, è seguito l’intervento del sindaco di Sanza, Vittorio Esposito, che ha spiegato l’obiettivo della giornata: “Vogliamo coinvolgere i ragazzi, ma per praticare uno sport bisogna avere le strutture adeguate. Dovremo ristrutturare il campo da calcio a 5 e la palestra”.

“Non è facile organizzare un evento – ha dichiarato il membro dell’associazione gli amici della Morra, Gianvito Iodice – ringrazio l’amministrazione per il supporto. La manifestazione è solo un punto di partenza, dobbiamo crescere e organizzare altri eventi”.

 “La morra è molto diffusa in Italia – ha affermato il vicesindaco, Antonio Lettieri – ma è soprattutto in Sardegna che viene giocata abitualmente. Dobbiamo partire dalla vostra associazione per fondare una polisportiva – ha aggiunto – e organizzare altri eventi sportivi. Ci incontreremo a settembre per iniziare a discutere e sviluppare l’idea”.

“Bisogna creare un’associazione – ha suggerito il dottore in Scienze Motorie, Luigi Patrone – altrimenti l’evento è destinato a finire. San Giovanni a Piro e Vallo della Lucania hanno creato la Cilento Run”.

Angelo Loguercio, invece, ha raccontato la sua carriera da calciatore sottolineando la passione, l’impegno e la dedizione totale negli allenamenti e in ogni singola partita.

Di notevole spessore sono stati gli interventi di Francesco Loguercio e del direttore della Bcc di Buonabitacolo, Angelo De Luca, che si sono soffermati rispettivamente sulle origine del gioco e sull’importanza di poter fondare una polisportiva.

“Lo sport è uno stile di vita – ha affermato Francesco Loguercio – il terminale di un percorso di formazione. La morra e’ stata creata dai boscaioli. Dopo una giornata di lavoro, infatti, si riunivano per giocare. L’evento deve essere migliorato e può rappresentare la chiusura di una giornata culturale”.

“Oggi mancano i riferimenti – ha detto il direttore della Bcc di Buonabitacolo, Angelo De Luca – i giovani non sono stimolati a praticare uno sport. La polisportiva potrebbe essere uno strumento per rilanciarsi”.

A seguire, un momento della tradizione enogastronomica con la “filatura del fior di latte” ad opera del giovane casaro Pasquale Caiafa. In serata, invece, è andato in scena il torneo tra le squadre iscritte. L’iniziativa si avvale del sostegno economico della Bcc di Buonabitacolo.