Giornale di approfondimento economico della BCC di Buonabitacolo

Progetto Sara, il Centro Antiviolenza Aretusa presenta il focus per le donne con disabilità

redazione

L’Associazione Differenza Donna che gestisce il Centro Antiviolenza Aretusa, è impegnata da 30 anni sia sul piano nazionale che internazionale, nel sostenere le donne e i minori che subiscono o hanno subito qualsiasi tipo di discriminazione e violenza. Durante gli anni di lavoro sul campo, ha rilevato che le donne con disabilità non «accedevano» presso i Centri Antiviolenza e gli altri servizi, se non in qualche rara occasione. Dalle diverse ricerche fatte emerge che il nodo della non accessibilità ai servizi per le donne con disabilità risulta connesso al mancato riconoscimento di se in quanto donne, che come tali subiscono tutte le discriminazioni di genere, e spesso dal non essere credute dall’Operatore Socio Sanitario a causa della loro disabilità. Le donne con disabilità sono più vulnerabili e in molti casi vivono discriminazioni e anche vittimizzazioni secondarie da parte di coloro che dovrebbero proteggerle e che molto spesso non gli credono. Nel 2018 nasce il progetto Sara (Sostegno Antiviolenza Rete Attiva) – dal lavoro tra il Centro Antiviolenza Aretusa e la rete territoriale, con l’obiettivo di rafforzare le azioni di contrasto, di prevenzione e di emersione del fenomeno della violenza di genere nei Comuni dei Piani Sociali di Zona S9 e S10 della provincia di Salerno, attraverso specifiche azioni finalizzate ad avviare un cambiamento sociale e culturale prolungato e stabile nel tempo, garantendo percorsi efficaci di autonomia e fuoriuscita dalla violenza alle donne interessate. Il progetto Sara mira ad ottenere risultati misurabili e tangibili nel contrasto e nella riduzione dei fenomeni di discriminazione, violenza, sfruttamento delle donne; nell’attenzione e nella valorizzazione dei diritti di tutte le donne; nell’attivazione e nel potenziamento dei servizi e dei presidi territoriali per contrastare l’isolamento delle donne che vivono situazioni di disagio e nell’inclusione ed empowerment delle fasce più vulnerabili. Nell’ambito del progetto Sara, ciò che proponiamo per dare voce alle donne con disabilità sul tema dei diritti sono iFocus Group. Gli obiettivi di questi incontri, rivolti alle donne con disabilità fisica, sensoriale o intellettiva, sono: promuovere la consapevolezza delle donne con disabilità rispetto ai loro diritti, farle uscire da un isolamento politico culturale, coinvolgere le donne nel fondamentale processo di auto consapevolezza ed empowerment, eliminare le barriere fisiche, comunicative, comportamentali che ostacolano l’accesso alle donne disabili nei processi di cambiamento individuali e sociali ed eliminare le discriminazioni che le donne con disabilità vivono nel contesto comunitario. La società necessita di essere educata nell’accettare donne con disabilità senza nessuna forma di discriminazione. Allo stesso tempo dovrebbe incoraggiarle a rispettare le proprie scelte e capacità di autodeterminazione. Tra il 23 e il 24 luglio si terrà il primo focus group presso il Centro Aretusa. Per partecipare è necessario iscriversi entro il 20 luglio contattando il numero 0975/1966166 o scrivere all’indirizzo cavaretusa@gmail.com.