Giornale di approfondimento economico della BCC di Buonabitacolo

Nuova ondata Covid, trema l’Europa

redazione

Il contagio non si ferma e i paesi europei corrono ai ripari. Nelle ultime ore, si allunga la lista dei provvedimenti varati in diverse nazioni del Vecchio Continente per scongiurare il ‘decollo’ dei numeri della pandemia di coronavirus. In Inghilterra, si allarga la mappa caratterizzata da misure speciali. Nel Lancashire, Merseyside, parti della regione delle Midlands e nel West Yorkshire, un’area dove vivono quasi 4,7 milioni di persone, da martedì sarà vietato incontrare persone non conviventi in casa o nei giardini privati. In parti del Lancashire e il Merseyside verrà anticipata la chiusura dei pub. Con questi nuovi provvedimenti, annunciati ieri dal governo di Londra, salgono a 13,5 i milioni di residenti del Regno Unito che sono sottoposti a misure restrittive. In Spagna, riflettori accesi sulla capitale. La regione di Madrid ha annunciato restrizioni alla libertà di movimento in 37 distretti dell’area metropolitana. A partire da lunedì gli abitanti di queste aree – circa 850mila persone – non potranno lasciare il loro distretto se non per andare a lavoro, a scuola, dal medico o assistere familiari. Saranno vietati i raduni di oltre sei persone, mentre verranno chiusi parchi e giardini. “Vi sono 37 aeree nella comunità di Madrid dove vi è una maggiore incidenza. Stiamo parlando di mille contagi per 100mila abitanti, un dato gravissimo”, ha detto in conferenza stampa la presidente della regione, Isabel Diaz Ayuso, sottolineando che tali misure sono necessarie per evitare di dover ricorrere al confinamento. Le limitazioni di movimento riguardano sei distretti della capitale e sette municipi della regione. In quest’area vive il 13% degli abitanti della comunità di Madrid, ma nell’ultima settimana vi è stato il 24% dei contagi della regione. Nella comunità di Madrid vivono 6,6 milioni di persone. La regione ha registrato 1212 nuovi casi nelle ultime 24 ore, con 33 decessi. Attenzione altissima in Francia, che ha archiviato una giornata con 123 decessi, il dato peggiore dal 18 maggio. A Marsiglia, il sindaco esprime preoccupazione per le dotazioni degli ospedali cittadini. A Tolosa, vietati gli assembramenti con più di 10 persone in parchi e aree pubbliche, prorogato l’obbligo di indossare la mascherina. Giro di vite in Irlanda a Dublino, con provvedimenti che resteranno vigenti per le prossime tre settimane nella capitale: il livello 3 di allerta prevede limitazioni ristoranti e locali, oltre al ‘numero chiuso’ per la partecipazione a funerali e matrimoni. In Danimarca, da oggi bar e ristoranti verranno chiusi alle 22 e gli avventori dovranno indossare la mascherina fino a quando non si saranno seduti. Lo ha annunciato la premier Mette Federiksen, estendendo a tutto il paese misure entrate già in vigore a Copenaghen, la capitale. Il tetto massimo per le riunioni viene ridotto a 50 persone, con eccezioni per luoghi con grande capienza di posti a sedere, come gli stadi da calcio. La premier ha esortato tutti a lavorare il più possibile da casa, ridurre i contatti sociali ed evitare i mezzi pubblici affollati. Le nuove misure saranno in vigore almeno fino al 4 ottobre. In Grecia, scatta la chiusura dei cinema ad Atene. Fuorilegge gli assembramenti con 10 persone, partecipazione limitata a battesimi, matrimoni e funerali.