Giornale di approfondimento economico della BCC di Buonabitacolo

Nel 2019 sono stati ben 518 gli incidenti stradali in provincia di Salerno

redazione

Sono 28 le strade della rete viaria principale, extraurbana ma non autostradale, in provincia di Salerno nelle quali nel 2019 si è registrato almeno un incidente e 7 le strade in cui vi sono stati incidenti mortali. Nel 2019 sono stati ben 518 gli incidenti stradali in provincia di Salerno, tra i quali 13 incidenti mortali che nel quinquennio 2015 – 2019 ammontano complessivamente a 62 incidenti mortali. Le strade con il maggior numero di incidenti sono state: la SS 018 –  Tirrena-Inferiore con 184 incidenti, la SS 019 –  delle Calabrie con 67 incidenti, la SS 267 –  del Cilento con 35 incidenti, la SS 018 var –  Cilentana con 34 incidenti, la SS 166 –  degli Alburni con 32 incidenti, la SS 163 –  Amalfitana con 31 incidenti, la SS 088 –  dei due Principati con 20 incidenti, la SS 164 –  delle Croci di Acerno con 19 incidenti, la SS 091 –  della Valle del Sele con 15 incidenti, la SS 447 –  di Palinuro con 13 incidenti, la SS 266 –  Nocerina e la SS 367 –  Nolana Sarnese entrambe con 11 incidenti. Molto più alti i numeri se si considera l’intera rete viaria. Nel 2019 infatti in provincia di Salerno sono stati 2.494 gli incidenti, dei quali 48 mortali, con 51 morti e 3.961 feriti. Lo studio, realizzato dall’ACI, analizza i 36.526 incidenti avvenuti in Italia nel 2019, dei quali 1.143 mortali, con 1.257 decessi (il 39,6% del totale dei decessi sulle strade italiane) e 58.535 feriti, avvenuti su circa 55.000 chilometri di strade della rete viaria principale del Belpaese. L’indice di mortalità medio su questa rete è pari a 3,4 morti per 100 incidenti. “E’ un dovere di tutti noi – ha affermato il Presidente dell’Automobile Club Salerno Vincenzo Demasi – contribuire a ridurre il numero di incidenti, morti e feriti sule strade; continueremo ad impegnarci sempre di più per fermare questa strage che si ripete ogni anno”. “Nel 2021 intensificheremo ulteriormente le attività di comunicazione, di infomobilità e di formazione nei confronti degli utenti della strada di ogni fascia di età – ha confermato il Direttore dell’Aci Salerno Giovanni Caturano – Non possiamo rimanere inerti; dietro i freddi numeri ci sono persone, volti, vite spezzate, tragedie personali e familiari”.