Giornale di approfondimento economico della BCC di Buonabitacolo

Napoli, un successo straordinario per l’inaugurazione della mostra “Rocco Borella / Jorrit Tornquist – coloristi a confronto”

redazione

Si apre con un successo di pubblico, al Pan di Napoli, la mostra “Rocco Borella / Jorrit Tornquist – coloristi a confronto”, che sarà visitabile presso lo spazio loft fino al 10 giugno. Il vernissage, svoltosi mercoledì 22 maggio, ha riscosso un ottimo successo e preannuncia una prossima grande affluenza di pubblico nei giorni dell’esposizione. L’iniziativa è organizzata dal Dama, Daphne Museum Art, progetto espositivo itinerante promosso da Luigi Di Vaia, che ha scelto di ospitare, proprio a Napoli, l’esposizione di due Maestri Internazionali, dando vita ad una doppia personale in cui assoluto protagonista è il colore in tutte le sue forme. “Vivere di persona un confronto tra due esponenti del colorismo, così importanti, è stata un’emozione di grandissima intensità e avere al vernissage Jorrit Tornquist in persona è un’esperienza coinvolgente. Un’esperienza che, dopo Napoli, prima città ad ospitare un evento del genere vorremmo ripetere in altri luoghi prestigiosi.” Così Luigi Di Vaiapresenta l’iniziativa, curata da lui e da Agostino Cuccaro, il cui scopo è fornire un prezioso apporto alla conoscenza del ruolo del colorismo nell’Arte Contemporanea del XX e XXI secolo. Il colorismo è una corrente artistica che assegna all’atto pittorico un’importanza maggiore rispetto al disegno preparatorio precedentemente realizzato sul supporto del dipinto. Il colore viene così generalmente steso senza che sulla tela o sulla tavola sia realizzato un minuzioso disegno a guida della futura opera. In questo contesto s’inseriscono le opere di Rocco Borella e Jorrit Tornquist esposte al Pan ed introdotte dai testi critici di Luciano Caprile, che spiega come “Rocco Borella e Jorrit Tornquist partono da due punti diversi per arrivare al medesimo risultato: il protagonismo del colore. Borella affronta il colore in maniera sperimentale, facendo entrare in gioco il caso, Tornquist, invece, interpreta la natura e il colore nella loro interezza, interiorizzandoli ed elaborandoli emozionalmente”. Presenti al vernissage anche Giuseppe Martucciello, presidente dell’Archivio Rocco Borella e il Maestro Jorrit Tornquist per il quale “la scelta del colore è data dallo stato d’animo dal momento e dagli eventi vissuti”. L’esposizione è visitabile gratuitamente negli orari di ingresso del Pan.