Giornale di approfondimento economico della BCC di Buonabitacolo

Mercati – Spread apre stabile a 141 punti

redazione

Apertura stabile per lo spread fra Btp e Bund. Il differenziale segna 141,4 punti, stesso livello della chiusura di ieri. Il rendimento del decennale è pari allo 0,83%. Euro in ribasso nei confronti del dollaro all’avvio di giornata. La moneta unica segna 1,0986 dollari, in calo dello 0,55%. Rialzo invece dello 0,59% rispetto allo yen, a quota 118,15. L’oro perde terreno questa mattina sui mercati asiatici. Dopo il rialzo dello 0,4% registrato ieri, il metallo prezioso con consegna immediata è in lieve calo dello 0,1% a 1.521,43 dollari l’oncia. Dopo il rialzo di ieri il prezzo del petrolio torna a scendere, grazie ai segnali in arrivo dall’Arabia Saudita di una ripresa della produzione più rapida del previsto. Il Wti, che ieri ha guadagnato 55 centesimi, ha perso nel mercato after hours 23 centesimi (-0,4%) portandosi a 58,41 dollari al barile. Il Brent è indietreggiato invece a 64,48 dollari, con un calo dello 0,5% pari a 29 centesimi. Le Borse asiatiche rialzano la testa dopo i dubbi sui tempi e gli esiti dei colloqui fra Cina e Usa sui Dazi. A favorire gli acquisti sono i dati Pmi negli Stati Uniti elaborati da Ihs Markit, diffusi in serata, rivelatisi migliori delle attese, che si traducono stamane in futures positivi sugli indici europei e di Wall Street. Tokyo termina in marginale rialzo (+0,09%), mentre Hong Kong ritrova il rialzo (+0,31% a mercato ancora aperto) dopo le proteste nel weekend che avevano pesato in Borsa alla vigilia. Stesso rialzo per Seul (+0,38%) mentre viaggiano di buon passo i listini cinesi di Shanghai (+0,50%) e di Shenzhen (+0,69%).