Giornale di approfondimento economico della BCC di Buonabitacolo

Le donne musulmane celebrano la giornata mondiale del velo

redazione

“Libera con il mio Hijab”; è l’Hastagh lanciato sui social media arabi da donne musulmane che celebrano oggi la “Giornata mondiale” del velo “per rompere l’immagine stereotipata” di “alcuni media occidentali” che descrivono le donne che si coprano il capo “oppresse e prigioniere”, come scrivono oggi media turchi. Secondo l’agenzia di stampa statale turca Anadolu, l’evento annuale “creato nel 2013 dall’attivista musulmana Nadma Khatem” viene celebrato in oltre 140 paesi nel mondo “per combattere la discriminazione contro le donne musulmane”, come ha detto la stessa Khatem citata da Anadolu. Khtaem, americana di origini bengalese che vive a New York ha iscritto nel 2017 la sua organizzazione no-profit con il nome “Giornata Mondiale dell’Hijab”, motivando così la sua iniziativa: “al liceo era continuamente vittima di bullismo e la descriminazione ha raggiunto il suo culmine dopo gli attacchi dell’11 settembre nel 2001”, ha detto aggiungendo che “negli ultimi 5 anni abbiamo realizzato diverse conquiste importanti: una di questi il riconoscimento della Giornata Mondiale del velo da parte dello Stato di New York nel 2017”.