Giornale di approfondimento economico della BCC di Buonabitacolo

La pandemia nel mondo da coronavirus miete migliaia di vittime

redazione

Il livello di allarme della pandemia da Covid 19 rimane altissimo nel mondo. Gli Stati Uniti hanno riportato ieri oltre 1.800 decessi in 24 ore a causa del nuovo coronavirus, in leggero calo rispetto ai giorni precedenti, secondo il conteggio della Johns Hopkins University continuamente aggiornato. Questi 1.883 decessi portano il bilancio totale dell’epidemia negli Stati Uniti a oltre 64.700 vittime. È il prezzo più pesante pagato da un Paese in valore assoluto, anche se proporzionalmente alla sua popolazione Belgio, Spagna, Italia, Regno Unito o Francia sono maggiormente colpiti. Gli Stati Uniti hanno anche il maggior numero di persone con diagnosi di Covid-19, con oltre 1,1 milioni di casi registrati ufficialmente. Quasi 165.000 persone vengono dichiarate guarite. Per tre giorni, i bilanci americani delle 24 ore avevano ripreso a salire, con decessi giornalieri tra i 2.000 e i 2.500. I rapporti giornalieri negli Stati Uniti non sono scesi al di sotto dei 1.000 morti nell’ultimo mese. In Asia, l’India registra il record di nuovi casi di coronavirus nelle ultime 24 ore: ne sono stati registrati 2.293. Lo rende noto il ministero della Salute, secondo quanto riporta la Cnn. In tutto il paese ci sono almeno 37.366 casi e 1.218 morti. Il lockdown, che sarebbe dovuto finire domani, è stato esteso di altre due settimane, anche se ci sarà un allentamento delle restrizioni. In Pakistan sono stati superati i 18.000 casi di coronavirus, dopo i 1.275 registrati nelle ultime 24 ore. Le vittime in totale sono 417, secondo le cifre fornite dalle autorità. Ieri c’è stato il record di vittime in un giorno, 32. Le province del Punjab e del Sindh sono le aree più colpite, con oltre 13mila casi. Poi l’Africa da dove arrivano notizie scarse e frammetarie sulal diffusione del virus. La Tunisia registra nelle ultime 24 ore altri 4 nuovi contagi da coronavirus, che portano a 998 il totale dei casi confermati nel Paese nordafricano. Lo rende noto in un comunicato il ministero della Sanità di Tunisi precisando che i decessi sono 41, mentre i guariti sono saliti a 316. I pazienti in rianimazione sono 24. La Tunisia allenterà le misure di lockdown a partire dal 4 maggio.