Giornale di approfondimento economico della BCC di Buonabitacolo

Kosovo – Abbattuto il muro di Mitrovica

redazione

Mitrovica – È stato abbattuto il muro costruito in dicembre a Mitrovica, in Kosovo, che divideva la città in due settori abitati da una parte dai serbi e dall’altra dagli albanesi. A distruggerlo sono stati i serbi, dopo che lo avevano alzato.  Il governo di Pristina aveva definito la struttura un tentativo di dividere ulteriormente la città lungo linee etniche, e ne aveva chiesto l’abbattimento. La tensione era cresciuta nelle ultime settimane, a causa del muro e dell’oramai tristemente famoso treno inviato dalla Serbia con lo slogan “Kosovo è Serbia” ben stampato lungo le fiancate. Treno bloccato dalla polizia di confine kosovara. A controllare la zona del muro erano presenti i carabinieri italiani, nell’ambito della missione Nato che ha un contingente (Kfor) stazionato in Kosovo per mantenere la pace. L’accordo per lo smantellamento del muro in cemento, alto due metri, è stato raggiunto a seguito di colloqui mediati dall’Ue tra il governo di Pristina e i delegati serbi. Il premier kosovaro, Isa Mustafa, aveva minacciato i serbi locali affermando che se non avessero smantellato la struttura lo avrebbe fatto il suo governo. Gli albanesi rappresentano più del 90% della popolazione di 1,8 milioni di persone del Kosovo, mentre nel nord vive la minoranza serba, tra 40mila e 50mila persone. La situazione che si sta vivendo a Mitrovica, città divisa etnicamente in due dal fiume Ibar, è al di là di qualsiasi possibile immaginazione europea. Tra le due parti del centro divise dalle acque c’è un vero e proprio “buco”, che separa due mondi: quello ortodosso dei serbi, quello musulmano degli albanesi. Una storia complessa, quella di Mitrovica, che ne fa l’emblema delle enormi contraddizioni del Paese balcanico, lacerato tra le istanze degli indipendentisti albanesi, avallate da parte della comunità internazionale e la volontà di Belgrado di non abbandonare i tanti serbi rimasti a vivere non solo a Mitrovica, ma nelle diverse enclave sparse su tutto il territorio. Mitrovica è spezzata in due da tempo. Tensioni e conflitti, esistenti da prima della guerra del ’99, si sono trasformati in una diffidenza insanabile che porta la parte nord a essere abitata quasi esclusivamente da serbi. Questi ultimi si sentono così più vicini alla madrepatria e da questa maggiormente protetti. La parte a sud continua a essere abitata quasi completamente da albanesi. Il transito da una parte all’altra del ponte richiede il presidio ventiquattrore su ventiquattro della Msu (Multinational Specialized Unit), l’unità dell’Arma dei Carabinieri italiani che, nell’alveo della missione della Nato Kfor (Kosovo Force), monitora il territorio per evitare sul nascere scontri e tensioni. Ora la speranza che un muro che non c’è più possa aprire le menti.