Giornale di approfondimento economico della BCC di Buonabitacolo

Il governo afgano pronto a liberare 5.000 detenuti talebani. I Marines vanno via.

redazione

Il governo afghano “rilascerà 1.500 prigionieri talebani come gesto di buona volontà” sabato prossimo, e “altri 3.500 dopo l’inizio di negoziati diretti con il gruppo militante”. Lo ha fatto sapere il portavoce del presidente afghano Ashraf Ghani, Sediq Sediqqi, facendo riferimento a uno dei punti fondamentali dell’accordo stretto tra talebani e Usa alla fine di febbraio. Ghani ha firmato il decreto per la scarcerazione e la grazia dei detenuti integralisti islamici in accordo con “il quadro condiviso per l’inizio dei negoziati tra talebani e governo afgano”. Il governo afgano è pronto a liberare progressivamente 5.000 detenuti talebani in cambio di “miglioramenti significativi” della situazione di sicurezza del Paese. La scarcerazione dei prigionieri inizierà sabato e ogni giorno un centinaio di detenuti saranno liberati. Quando inizieranno le trattative, gruppi di 500 prigionieri talebani saranno scarcerati nelle due settimane. L’intesa prevede l’impegno di Washington a ridurre nei prossimi 135 giorni a 8.600 soldati la sua presenza militare, attualmente di circa 14.000 unità, mentre il gruppo fondamentalista islamico si impegna a mettere fine agli attacchi e ad avviare colloqui di pace con il governo di Kabul. L’inizio dei colloqui dovrebbe essere preceduto dallo scambio di prigionieri, circa 5.000 talebani detenuti nelle carceri governative e un migliaio di afghani catturati dagli insorti. Le forze militari statunitensi hanno iniziato a ritirarsi dall’Afghanistan, come concordato nell’accordo di Doha. I movimenti sono iniziati ieri dalle basi militari di Lashkar Gah, capoluogo della provincia meridionale di Helmand, e da un’altra base in provincia di Herat, nell’est. In base all’accordo di Doha, una prima riduzione da 12.000 a 8.600 avverrà entro metà luglio (entro 135 giorni), arco di tempo nel quale verranno chiuse 20 basi. Il ritiro americano, dopo quasi 19 anni di guerra, deve essere completato entro 14 mesi. Gli Stati Uniti hanno ottenuto un voto, stasera, del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite per approvare tramite risoluzione l’accordo di pace concluso con i talebani il 29 febbraio, che comprende il ritiro militare americano dall’Afghanistan. Il consiglio di sicurezza dell’Onu ha approvato all’unanimità la risoluzione in cui sostiene l’accordo.