Giornale di approfondimento economico della BCC di Buonabitacolo

“I giardini di Bagh-e Babur” domani sera a Scario (SA) a Storie in piazza

di Antonella D'Alto.

Scario (SA) – L’incantevole borgo marinaro di Scario ospita domani, domenica 30 agosto, dalle 21,30 il nuovo appuntamento di Storie in piazza, iniziativa culturale promossa dal Comune di San Giovanni a Piro. “I giardini di Bagh-e Babur” (Graus Edizioni, 2019) di Lorenzo Peluso, il testo che sarà presentato con la presenza dell’autore, il giornalista Lorenzo Peluso che racconta attraverso i suoi scatti e le sue riflessioni l’Afghanistan, il Kurdistan e l’Iraq, ritraendo luoghi fatti scempio dalla guerra ma anche un’infinita umanità. Lorenzo Peluso è un giornalista e un fotografo, direttore di quasimezzogiorno.it e collaboratore di importanti testate nazionali. Davanti alla sua macchina fotografica sono passati, per questo libro, Afghanistan, Kurdistan e Iraq. Raccontati non solo come i luoghi fatti scempio dagli orrori della guerra. Ma pure di infinita umanità, come Karim che sogna Charlie Chaplin a Kabul o le bambine dell’orfanotrofio di Herat in Afghanistan. Embedded al contingente italiano, Lorenzo Peluso racconta come in un caleidoscopio le violenze dell’Isis ma pure le bellezze dei giardini di Bagh-e Babur a Kabul, dove il primo imperatore Moghul volle essere sepolto, circondato da un grande parco che fosse luogo di riposo e di socializzazione. Il giornalista di Rainews24 Ettore Guastalla, scrive nell’introduzione: «Per capire una guerra, un Paese, un popolo, bisogna metterci testa e cuore». Tutto quello che ha usato Lorenzo Peluso, oltre alla sua macchina fotografica. Ad accompagnare i presenti nel viaggio letterario sulla via dell’Oxiana, il direttore del Polo Museale, l’avvocato Franco Maldonato, e la laboriosa Michela Riviello dell’Associazione “Il vento del Bulgheria”.