Giornale di approfondimento economico della BCC di Buonabitacolo

Dalla Banca del Cilento di Sassano e Vallo di Diano e della Lucania e dalla BCC di Buonabitacolo nasce una Banca da oltre 1 miliardo di euro di attivi

di Lorenzo Peluso

Dunque via libera. I consigli di Amministrazione della Banca del Cilento di Sassano e Vallo di Diano e della Lucania e della BCC di Buonabitacolo hanno deliberato l’avvio del processo di fusione tra le due BCC. L’operazione di aggregazione avviene in coordinamento con Iccrea Banca, Capogruppo del Gruppo Bancario Cooperativo Iccrea, e si completerà ufficialmente con l’inizio del 2021. La futura Banca di Credito Cooperativo, la cui denominazione sarà una gradita sorpresa per tutti i soci, si presenterà a dicembre 2020 come una realtà robusta da oltre 1 miliardo di euro di attivi, una base sociale di circa 7 mila soci e oltre 50.000 clienti. La raccolta complessiva da clientela (tra diretta e indiretta) ammonta a 800 milioni di euro, gli impieghi lordi a clientela a oltre 550 milioni di euro, fondi propri per 78,3 milioni di euro, con un portafoglio titoli di oltre 400 milioni di euro e un CET1 al 14,44% (e un Total Capital Ratio al 16,54%). Le attività delle Banca del Cilento di Sassano e Vallo di Diano e della Lucania (BCC del Cilento) e BCC Buonabitacolo hanno permesso, negli anni, di raggiungere una significativa presenza nell’area interessata dal percorso aggregativo, arrivando a presidiare attualmente il territorio con 28 sportelli. Grazie all’operazione di concentrazione, la nuova BCC garantirà un’equilibrata e capillare copertura su un’area che si allarga significativamente oltre i 100 comuni già serviti tra le province di Salerno, Potenza, Matera e Cosenza, mantenendo i 28 sportelli nei 28 comuni di insediamento e in tutti i comuni limitrofi. Al termine del processo di fusione verrà quindi formata una BCC con maggiori dimensioni e risorse a supporto della crescita locale, in grado di rappresentare un riferimento nei territori serviti. Novità sul modello organizzativo della BCC che, oltre a valorizzare le risorse interne e raggiungere gli obiettivi di efficientamento stabiliti dalla Capogruppo, rafforzerà il presidio sul territorio. In particolare, si focalizzerà sulla relazione con la clientela e sull’attenzione verso le sue esigenze attuali o potenziali, attraverso competenze, procedure e processi che favoriranno una maggiore penetrazione commerciale e di attenzione alle necessità locali. Per questa finalità la banca avrà a disposizione, oltre alla sua rete commerciale, anche il supporto di strumenti multicanali digitali per assecondare le esigenze anche più evolute. A questo si affiancano anche le competenze specialistiche delle aziende del Gruppo Bancario Cooperativo Iccrea, che accompagneranno la nuova BCC nel confronto quotidiano con le aziende e i privati, per integrare il catalogo d’offerta e intercettare in modo ancora più efficace la domanda della clientela. “Le operazioni di aggregazione tra Banche rappresentano dei ponti ideali capaci di unire territori, culture, tradizioni e storie di uomini e donne – ha commentato il Presidente della Banca del Cilento di Sassano e Vallo di Diano e della Lucania, Pasquale Lucibello – la fusione in corso di perfezionamento rappresenta un tassello di fondamentale importanza per la storia della nostra BCC, capace in soli 30 anni di vita di completare, ad oggi, ben 4 processi aggregativi”. “Il nuovo nascente capitolo della nostra Storia ci rende particolarmente orgogliosi – ha aggiunto il Direttore Generale della BCC, Ciro Solimeno – e siamo sicuri che la struttura della nuova Banca riuscirà a garantire ai territori, ai quali dobbiamo tutto, servizi sempre più specialistici nel costante rispetto della nostra natura di Banca di Prossimità. Un ringraziamento alla Presidenza e alla Direzione Generale della BCC di Buonabitacolo per la proficua collaborazione da sempre dimostrata.  Voglio infine ringraziare la nostra struttura, perché è grazie a questa se oggi siamo in grado di dire che il meglio dovrà ancora venire”. “La BCC di Buonabitacolo si è sempre caratterizzata per la sana e prudente gestione, privilegiando la qualità rispetto alla quantità del credito – ha inoltre detto il Presidente della BCC di Buonabitacolo, Pasquale Gentile – siamo stati sempre indipendenti, vicini ai soci e ai clienti del territorio di riferimento, in grado di comprendere il cambiamento epocale che sta investendo il mondo del credito cooperativo, mantenendo comunque la capacità di integrarci nelle logiche di gruppo e di un mercato moderno e dinamico. Oggi più che mai cogliamo il cambiamento come opportunità e non come necessità, facendo scelte responsabili e condivise. L’aggregazione con la Banca del Cilento, BCC con le nostre stesse finalità, darà vita ad un’entità che sarà il punto di riferimento nel Sud Campano-Lucano”. “Il sostegno dei nostri Collaboratori, ai quali va il dovuto ringraziamento, e l’approvazione dei nostri Soci, che non ci hanno fatto mai mancare il loro sostegno, ha rafforzato una scelta operata con la consapevolezza dei nostri mezzi e delle nostre potenzialità – ha terminato il Direttore Generale della BCC, Angelo De Luca – un ringraziamento dovuto e convinto alla Governance della Banca del Cilento per la disponibilità, umiltà e garbo dimostrati durante l’esplicarsi di questo percorso ed un grazie ai responsabili del Gruppo Iccrea, che tanto si sono spesi, per la realizzazione del progetto e per la professionalità dimostrata. Solo l’unione di queste tre componenti farà crescere il nostro territorio perché siamo convinti che da soli, ormai, non si va da nessuna parte e con compagni leali la strada è meno accidentata. Come ha detto qualcuno: ‘Non è la specie più forte o intelligente a sopravvivere ma quella che si adatta meglio al cambiamento’”.