Giornale di approfondimento economico della BCC di Buonabitacolo

Credito – Circa 20 milioni di italiani sono ricorsi a prestiti presso banche o finanziarie

redazione

Una stima della Banca d’Italia fissa in 541mila le famiglie italiane che, da aprile a fine settembre – grazie alle moratorie Abi e Assofin – sono riuscite a sospendere le rate di prestiti personali e finalizzati fino a 12 mesi. Secondo dati ufficiali Assofin è di oltre 70 miliardi di euro il volume dei finanziamenti concessi ogni anno nell’ambito del credito al consumo italiano, mentre il controvalore economico dei prestiti sospesi grazie alle due moratorie scadute e non rinnovate è stato pari a 24 miliardi di euro. Il report stabilisce che, nel primo semestre 2020, circa 20 milioni di italiani sono ricorsi a prestiti presso banche o finanziarie per l’acquisto, ad esempio di un’auto, una casa, un elettrodomestico o altro. Sia questi debitori dei primi 6 mesi dell’anno in corso, sia quelli che hanno ottenuto il finanziamento da giugno in poi, se non hanno chiesto la sospensione delle rate entro il 30 settembre 2020, adesso che i margini di ripresa economica sono finiti, sono in difficoltà con i rimborsi.