Giornale di approfondimento economico della BCC di Buonabitacolo

Coronavirus, mamma e figlia di Sapri in quarantena

redazione

Una mamma insieme alla figlia da oggi a Sapri sono  in quarantena su ordine del Sindaco di Sapri. A Buonabitacolo 13 persone si sono autoisolate insieme al resto delle rispettive famiglie.  Tutte e 15 provengono da regioni del nord Italia in cui sono stati registrati casi di coronavirus ma nessuno di loro risulta infettato. Nello specifico una signora di Sapri ha fatto rientro con la figlia  da un comune lombardo vicino all’’epicentro di casi di coronavirus. La mamma presenta sintomi di raffreddamento e il suo medico, in via precauzionale come da protocolli ha informato il Sindaco Antonio Gentile, che con una ordinanza ha disposto la quarantena di 14 giorni per entrambe ed ha informato del caso il 118 che da questo momento in poi dovrà procedere ai dovuti controlli. Con loro non vive nessun altro. Le 13 persone di Buonabitacolo, invece, godono tutte di ottima salute ma provenendo da zone ritenute sensibili,  hanno dovuto fare ricorso all’auto-quarantena insieme alle rispettive famiglie. Multe da 500 a 5000 euro per chi non comunicherà di essere stato nelle zone individuate come focolai di diffusione del Coronavirus. L’ordinanza è stata firmata oggi da Pino Palmieri, sindaco di Roscigno, comune di 679 abitanti della provincia di Salerno. Il provvedimento è rivolto a tutte le persone presenti sul territorio comunale e a quanti vi faranno ingresso e ordina loro di comunicare al primo cittadino se si sono recati, a partire dal 10 febbraio, in Lombardia, Veneto, Piemonte, Emilia Romagna, Trentino Alto Adige o all’estero. Il compito di vigilare sarà affidato alla Polizia Locale.