Giornale di approfondimento economico della BCC di Buonabitacolo

L’opinione

I foreign fighters di ritorno in Kosovo e la parola tolleranza.

Il Kosovo nel corso degli anni è stato terra d’origine di oltre 300 combattenti in Siria. Un Paese, di meno di due milioni di persone a religione islamica per la maggioranza, che però mostra segnali importanti di contrasto al fenomeno del terrorismo internazionale. Oggi il Kosovo è alle prese con la gestione dei cosiddetti  foreign fighters. Il punto di partenza, ...

Leggi Articolo »

Tra Kosovo e Turchia, le verità nascoste sul traffico internazionale di organi.

Nell’aprile del 2019 due fatti di cronaca mettono in relazione la Turchia ed il Kosovo. Ad Istanbul un’indagine della polizia turca porta all’arresto di quattro persone. L’accusa è di trafficare in organi. L’inchiesta, che è solo all’inizio, sgomina la banda che agiva nella periferie di Istanbul, negli ambienti poveri e marginali, alla ricerca di persone con grosse difficoltà. Un terreno ...

Leggi Articolo »

La bella storia di Dahbi Jihad, da San Marzano sul Sarno a Pristina per favorire il dialogo e la pace nei Balcani.

Pristina – Una città veloce, frenetica e caotica. Si percepisce il fermento ed il multiculturalismo. Le moschee ed i loro minareti; il muezzin. La cattedrale di Madre Teresa di Calcutta, imponente, che arricchisce l’atmosfera del suono delle sue campane che richiamano a messa. La capitale del Kosovo è una città, mezzomilione di abitanti, a maggioranza albanese, ma con la presenza ...

Leggi Articolo »

Anche questo è il Kosovo. Una terra di confine.

Il tetto, in pannelli di eternit. Fuori il fango; della legna accatastata per alimentare un caminetto posto all’interno di una modesta abitazione. Un venticello freddo scuote le fronde di un albero di ciliegio. Sullo sfondo la centrale a carbone che erutta i suoi vapori e le polveri che si cospargono tutt’intorno. Il padrone di casa è morto già da qualche ...

Leggi Articolo »

Un ponte sul fiume Ibar, aperto a metà.

Si respira un’aria nuova, diversa a Mitrovica. Il ponte sul fiume Ibar, è ancora presidiato dai carabinieri dell’MSU italiani. Ma non c’è più il blindato, dal lato kosovaro albanese. Solo due Land Rover con quattro militari italiani a presidio che salutano cordialmente coloro che attraversano il ponte. Dal lato serbo verso quello kosovaro. Questa è l’importante novità. Sempre di più ...

Leggi Articolo »

Il Kosovo, una guerra recente con ferite ancora vive.

Pec – La neve ed un freddo gelido accompagnano in questi giorni le operazioni del Regional Command West, a guida italiana della missione Kfor in Kosovo. Siamo a pochi chilometri dal confine albanese; Albania che nel  1998-1999, culmine della guerra dei Balcani, nonostante le difficili condizioni economiche, accolse circa mezzo milione di albanesi del Kosovo. Da qualche anno il processo ...

Leggi Articolo »

La “questione kurda” al centro della presentazione del libro di Lorenzo Peluso a Padula con Soran Y. Ahmad

Pomeriggio di grande spessore culturale a Padula, presso la sala conferenze della Chiesa di Sant’Alfonso Maria de Liguori, in occasione della presentazione del libro “I Giardini di Bagh-e Babur” di Lorenzo Peluso. L’incontro, moderato dalla giornalista Stefania Marino, è stata l’occasione non solo per ascoltare la testimonianza del reporter salernitano ma anche per approfondire e comprendere le dinamiche della “questione ...

Leggi Articolo »

Consegnare il Paese ed il Sud nelle mani di ipocriti ed ignoranti nostri “connazionali” è troppo.

Sono italiano, ma meridionalista convinto; non per contrapposizione verso il nord o altro, ma solo perché credo di conoscere bene il Sud, le sue grandi potenzialità, anche le ataviche problematiche che lo affliggono. Credo nel Mezzogiorno, perché nel Mezzogiorno, come in altre aree del Paese, vivono giovani capaci ed intelligenti, menti brillanti orgoglio e futuro dell’Italia. Sono assolutamente libero, nel ...

Leggi Articolo »

In Afghanistan la fine della guerra è solo utopia.

La situazione preoccupante nei rapporti tra Iran e Stati Uniti sono al centro dell’interesse di Mosca che segue con attenzione le vicende, considerando che le influenze sul Medio Oriente possono comportare riflessi negativi sugli interessi strategici russi nell’area. L’inviato speciale del presidente russo Vladimir Putin in Afghanistan, Zamir Kabulov, ha affermato che l’Iran potrebbe influire negativamente nel processo di pace ...

Leggi Articolo »

Se le truppe Usa saranno costrette a lasciare l’Iraq cosa faranno gli italiani?

La situazione in Medio Oriente si aggrava di ora in ora. Ieri il voto del parlamento iracheno, il presidente Usa Donald Trump ha risposto minacciando sanzioni. «Se le truppe Usa saranno costrette a lasciare l’Iraq ci saranno sanzioni enormi contro Baghdad», ha detto Trump, dopo aver cercato, inutilmente, di fermare il voto del parlamento. Gli americani avrebbero cercato di persuadere ...

Leggi Articolo »