Giornale di approfondimento economico della BCC di Buonabitacolo

L’opinione

Il narcotraffico per la criminalità organizzata è il settore più redditizio

L’Italia rimane una delle principali porte d‟accesso della droga per l‟Europa, grazie alla sua peculiare posizione al centro del Mediterraneo, vicino alle coste del Nord Africa (quest‟ultima nuova importante zona di stoccaggio oltre che di produzione di sostanze stupefacenti) e da quelle dello sbocco della rotta balcanica attraverso la quale transita via terra la maggior parte dell‟eroina proveniente dall‟Afghanistan, nonché ...

Leggi Articolo »

Sanza (SA) – Il Culto delle “Sette Sorelle” nell’Inventario del Patrimonio Culturale Immateriale Campano.

Sanza (SA) – L’idea è affascinante ed innovativa. Parte dal Comune di Sanza, ai piedi della Vetta della Campania, il Monte Cervati, la proposta di candidatura del Culto delle “Sette Sorelle” nell’Inventario del Patrimonio Culturale Immateriale Campano. Il 22 ed il 23 agosto, su iniziativa dell’Amministrazione comunale di Sanza, si terrà una due giorni di confronti e dibattiti sul tema ...

Leggi Articolo »

Il coraggio di Qamar Gul e la maledizione del popolo afghano.

Ci si può ribellare; il prezzo però è altissimo. Esiste un Afghanistan dove la violenza genera violenza, dove ad un crimine si reagisce con altro crimine. E’ questo il girone infernale che alimenta l’orrore nell’orrore. Questa è la storia di di una ragazzina, Qamar Gul,  di 15 anni. La scorsa settimana in un villaggio della provincia centrale di Ghor un ...

Leggi Articolo »

Sullo scacchiere libico lo scontro tra Egitto e Turchia

Sullo scacchiere libico nel Mediterraneo c’è un’altro attore che pretende un ruolo di primo piano. Non bastavano infatti i problemi legati alla coesistenza tra francesi, russi, italiani. In Libia ora si profila uno scontro anche tra Egitto e Turchia. Insomma in Libia il rischio è che diventi sempre più un teatro dove combattere un guerra per procura. Il presidente egiziano, ...

Leggi Articolo »

Questa è la storia di una bambina, Selma Musić, e il massacro di Srebrenica

Questa è la storia di una bambina. Era l’11 luglio del 1995 quando le truppe serbo-bosniache di Ratko Mladić entrarono a Srebrenica, cittadina decretata “Area protetta” dal Consiglio di Sicurezza dell’ONU nel 1993 e posta sotto protezione dei Caschi blu, dove si erano rifugiati migliaia di bosniaci musulmani fuggiti dai villaggi della zona. Nei 10 giorni successivi vennero deportate e ...

Leggi Articolo »

A Sanza un popolo intero in fermento per la Madonna di Cervati.

C’è un popolo intero in fermento. Ci sono poi gli emigranti che vivono all’estero che aspettano di sapere se il rito millenario della salita al Monte Cervati per portare in vetta la Madonna della Neve per il novenario, quest’anno si svolgerà, come sempre. In realtà neppure la pandemia Spagnola, nel 1918, nonostante la guerra, fermò quello che da tutti è ...

Leggi Articolo »

Dal Vallo di Diano ad Alberto da Giussano. Certo, ad andar dietro alle leggende …..

La prima ad osare fu l’architetto di Padula Tiziana Bove Ferrigno. Altri tempi quelli, per tutti ed anche per i seguaci di Alberto da Giussano. Era la Lega di Calderoli e Bossi all’epoca che tentando l’invasione a sud, alle europee del 2004, scelsero il giovane e brillante architetto padulese per la circoscrizione meridionale. A sedici anni di distanza la Lega, ...

Leggi Articolo »

Elezioni regionali, sarà il Vallo di Diano a decidere del suo destino.

L’ultima volta che è accaduto è stato un successo. 15mila voti, era il 5 maggio 2010.  Consigliere Regionale della Campania, primo eletto tra le fila del Partito Democratico in Provincia di Salerno, Donato Pica. Durerà cinque anni l’esperienza, in opposizione alla giunta Caldoro. Alle successive regionali del 2015 non sarà rieletto ed il Vallo di Diano da quel momento non ...

Leggi Articolo »

Il sogno ed il segreto di uno scapestrato di nome Matto.

Ne ha fatta di strada quel ragazzaccio, un po’ scapestrato, ribelle ma sempre “quadrato”. Non è un caso se poi i suoi amici iniziarono a chiamarlo “Il matto”. Neppure gli dispiace, oggi che da adulto ha realizzato la sua visione, che lo si continui a chiamare Matto. Da ragazzino le vicissitudini della vita lo portarono ben presto a fare le ...

Leggi Articolo »

Troppo distante l’Afghanistan dal nostro vivere.

Non fa notizia, non più. L’Afghanistan di fatto, se mai sia stato al centro dell’interesse della stampa comune, e dunque dell’opinione pubblica, anche in Italia, possiamo affermare che ora come non mai non fa più notizia. Non occuparci dell’Afghanistan però significa non considerare le dinamiche che attualmente si muovo sulla scacchiera geopolitica che coinvolge Stati Uniti, Russia, Iran e Cina. ...

Leggi Articolo »