Giornale di approfondimento economico della BCC di Buonabitacolo

Calcio – Il protocollo anti covid è valido e da rispettare

redazione

Faccia a faccia con il presidente della Figc, Gabriele Gravina, in merito al protocollo sanitario per il ministro dello sport Vincenzo Spadafora. “Ad oggi il protocollo è ancora giusto da tenere e da portare avanti, e deve essere rispettato da tutti con il massimo rigore”, ha detto Spadafora. al termine della riunione con il numero uno della Federcalcio. “Con Dal Pino – ha aggiunto Spadafora commentando il vertice in streaming con il presidente della Lega Serie A – abbiamo fatto un quadro della situazione generale e soprattutto abbiamo parlato del futuro del calcio, dei progetti di visione industriale, perché questo era un incontro programmato da tempo”. Il ministro Spadafora ha ribadito quello che è scritto nei documenti, ossia: “Alle Autorità Sanitarie Locali è demandata una chiara responsabilità e una precisa azione di vigilanza”. Che è poi in definitiva la tesi del CTS. Alle Asl compete, dunque, far rispettare un divieto di trasferta quando la situazione lo ritenga opportuno. Per esempio quando è in vigore un lockdown regionale o quando i casi siano tanti e le terapie intensive piene. Tutto finirà di fronte al Collegio di Garanzia presso il Coni che rappresenta l’ultimo grado di guidizio sportivo. C’è, infine, il capitolo date se la gara dovesse essere poi recuperata: l’unica possibile è il 13 gennaio 2021 che si incastra tra i 4 giorni di Inter -Juve e gli 8 della Supercoppa Juve-Napoli. Nel frattempo la vicenda Juve-Napoli assume anche altri contorni. La Procura della Federcalcio ha infatti aperto un’inchiesta sulla corretta applicazione da parte del Napoli dei protocolli sanitari validati dal Cts subito dopo la notizia della prima positività di un calciatore azzurro, e nelle ultime ore il capo dell’ufficio, Giuseppe Chiné, ha chiesto copia della corrispondenza tra la Asl, la Regione ed il club. I continui rimbalzi di responsabilità tra società, Aziende sanitarie locali e Lega Calcio, hanno portato la Figc alla logica conseguenza di voler fare luce su una vicenda che rischia di complicare il regolare svolgimento del campionato.