Giornale di approfondimento economico della BCC di Buonabitacolo

Autofficine, una su tre non ha un sito web

redazione

Il 30% delle officine italiane non ha ancora un sito web e il 10% di loro ritiene non sia utile averlo; solo il 5%, di contro, ha già assunto un Digital Manager per gestire la presenza della propria azienda sul web, e sempre solo il 5% di chi ha un sito è già pronto a vendere online prodotti o servizi. Sono questi, in numeri, i segnali di come il mondo dell’aftermarket automobilistico sia ancora ben lontano dal definirsi digitale. A dirlo è MotorK (una delle aziende più importanti nello scenario del digital automotive) che ha presentato i risultati della quarta edizione di una ricerca sull’uso di internet in occasione della fiera Autopromotec, la biennale internazionale delle attrezzature e dell’aftermarket automobilistico, che si è svolta dal 22 al 26 maggio a Bologna. I risultati del sondaggio parlano chiaro: il 70% dei service post-vendita ha un proprio sito internet, sviluppato internamente (18%), con il supporto di un’azienda specializzata nel settore automotive (18%) o con l’aiuto di un’agenzia locale (17%) o di parenti e amici (5%). Benché si tratti di un numero in leggera crescita, questo dato sottolinea come la sfida digitale del comparto sia ancora aperta.