Giornale di approfondimento economico della BCC di Buonabitacolo

Venosa (PZ) – Maltrattamento di disabili, Cittadinanzattiva parte civile

redazione

Potenza – “Restiamo sgomenti nell’apprendere di maltrattamenti, percosse fisiche, umiliazioni e vessazioni da parte di personale medico e paramedico della struttura riabilitativa dei Padri Trinitari di Venosa, nei confronti degli ospiti con disabilità. Nessuna tolleranza verso chi si accerterà essersi macchiato di simili episodi”. E’ quanto dichiarato in una nota da Incoronata Bochicchio, responsabile regionale della Basilicata del Tribunale per i diritti del malato-Cittadinanzattiva: “e per questo chiediamo una pena esemplare e la certezza della stessa. Le strutture riabilitative devono essere il porto sicuro per le “persone fragili” che in esse trovano ospitalità. Maltrattarle vuol dire tradire la loro fiducia, un gesto vigliacco che somma un trauma all’altro”. “Basta con accreditamenti meramente burocratici”, ha ancora aggiunto Bochicchio, “sono necessarie ed urgenti verifiche periodiche, ed è per questo che chiediamo alla Regione Basilicata di attivare immediatamente tutte le procedure per operare verifiche compiute e serie”. “Si eviti l’approssimazione e si spendano le energie in azioni che realmente possano garantire migliori livelli di assistenza” ha quindi concluso, “qualità della vita e di sopravvivenza. Ci stringiamo attorno alle vittime delle nefaste condotte ed alle loro famiglie, preannunciando la nostra costituzione di parte civile nel procedimento penale”.