Giornale di approfondimento economico della BCC di Buonabitacolo

Uomo dei servizi americani ucciso in azione in Afghanistan.

redazione

Un membro dei servizi americani è stato ucciso in azione in Afghanistan. Lo rivela l’esercito americano in una nota, senza aggiungere ulteriori dettagli. Il comunicato non rende note le generalità del militare né dice in quale zona dell’Afghanistan sia stato ucciso. Il mese scorso, due membri dei servizi sono morti dopo essere precipitati con il loro elicottero nella provincia orientale di Logar. I talebani avevano rivendicati l’attentato. Intanto a tre mesi dal voto in Afganistan, la commissione elettorale ha decretato la vittoria del presidente in carica Ashraf Ghani, che secondo i risultati preliminari avrebbe vinto con il 51% dei voti, contro il 40% del suo sfidante, il capo del governo, Abdullah Abdullah.  Eletto presidente dell’Afghanistan nel 2014, Ghani ha servito in precedenza come ministro delle Finanze nel Governo di Hamid Karzai, dopo essere arrivato quarto nelle elezioni presidenziali del 2009 – vinte da Karzai – alle spalle anche di Abdullah Abdullah. Economista e antropologo, Ghani è stato rettore dell’Università di Kabul dopo aver insegnato in diversi istituti e atenei, tra cui la John Hopkins University negli Stati Uniti e dopo aver lavorato per la Banca Mondiale. Le elezioni sono state segnate da un’affluenza molto bassa – solo 1,8 milioni i voti finali su un totale di circa 9,6 persone registrate (su una popolazione di 33 milioni) – e dalle accuse di frode elettorale – circa un milione del totale iniziale di circa 2,7 milioni sono stati esclusi a causa di irregolarità – oltre che dagli attacchi dei Talebani.