Giornale di approfondimento economico della BCC di Buonabitacolo

Università – Oggi al via i test: si parte con Medicina e Odontoiatria

redazione

Al via i test per i corsi di laurea ad accesso programmato. Si comincia oggi con Medicina e Chirurgia, Odontoiatria e Protesi Dentaria in lingua italiana. Domani, 4 settembre sarà la volta di Medicina Veterinaria. Si continua con Architettura il 5 settembre, Professioni Sanitarie l’11 settembre, Medicina e Chirurgia, Odontoiatria e Protesi Dentaria in lingua inglese il 12 settembre, Scienze della Formazione Primaria il 13 settembre e Professioni Sanitarie (laurea magistrale) il 25 ottobre. Quest’anno sono 84.716 i candidati che si sono iscritti ai test per l’ammissione ai corsi di laurea in Medicina e Odontoiatria, Architettura e Veterinaria. Nello specifico, sono 68.694 gli iscritti per Medicina e Odontoiatria (l’anno scorso erano 67.005). Per Architettura, gli iscritti sono 8.242 (rispetto ai 7.986 del 2018). Le iscrizioni pervenute per la prova di Veterinaria sono 7.780 (un anno fa erano state 8.136). Per quanto riguarda, invece, Medicina e Odontoiatria in lingua inglese, i candidati sono 10.450 (nel 2018 erano 7.660). I posti a disposizione per l’anno accademico 2019/2020 sono 11.568 per Medicina e Chirurgia, 1.133 per Odontoiatria, 759 per Medicina Veterinaria, 6.802 per Architettura. Anche quest’anno, ricorda il Miur, sono previsti 60 quesiti a cui i candidati dovranno rispondere in 100 minuti. Ma con alcune novità: sarà ridotta la quantità delle domande di logica, che passano da 20 a 10. Mentre quelle di cultura generale saranno 12, fino allo scorso anno erano 2. Queste ultime faranno riferimento, in particolare, all’ambito storico, sociale e istituzionale, letterario. Ci saranno anche quesiti relativi all’area di Cittadinanza e Costituzione. Si partirà da testi di saggistica scientifica, autori classici o contemporanei, da testi di attualità comparsi su quotidiani, riviste anche specialistiche. In coerenza con il lavoro preparatorio fatto dagli studenti in vista dell’Esame conclusivo della Scuola secondaria di II grado.