Giornale di approfondimento economico della BCC di Buonabitacolo

Universiade, Scarso: “Bilancio positivo per la scherma”

redazione

L’Italia della scherma ha fatto 13. Tante sono le medaglie azzurre conquistate durante i sei giorni di gare alle Universiadi Napoli2019. Un bottino che vale il primo posto assoluto nel medagliere. Archiviate le fatiche in pedana, le atlete della sciabola che ieri hanno conquistato l’ultima medaglia d’oro in palio, ora puntano al meritato riposo. “Queste Universiadi sono state un’esperienza bellissima – esclama la napoletana Rebecca Gargano, studentessa di marketing alla Luiss e in forze al gruppo sportivo dell’Aereonautica – mentre accarezza la sua medaglia -. Abbiamo concluso alla grande la nostra stagione, ora penso solo alle vacanze ed al mio prossimo viaggio in Thailandia”. Ha scelto la Grecia per il relax post Universiadi Michela Battiston, che torna a casa con un oro a squadre ed il bronzo nell’individuale. “Andrò a Cefalonia – dice la friulana dell’Aereonautica e studentessa di psicologia a Trieste – poi penserò ai prossimi obiettivi. Il sogno? Come per tutti le Olimpiadi, i giochi sono aperti, noi siamo la squadra B ma mai dire mai”, rispondono all’unisono. Rimarrà invece in Campania per un tour tra le isole del Golfo l’umbra Lucia Lucarini, un oro e un argento al collo. “Ora mi godrò una vacanza in barca tra Ischia e Capri – dice la studentessa di biologia a Tor Vergata e in forze al gruppo sportivo dei Vigili del Fuoco. poi andrò ad Ibiza con gli amici. Il ricordo di queste Universiadi rimarrà indelebile”. Soddisfatto il presidente della Federscherma, Giorgio Scarso: “Concludiamo l’esperienza alle Universiadi con un bilancio estremamente positivo. Ciò che rimarrà da queste Universiadi è la consapevolezza dell’efficacia, efficienza e qualità del sistema scherma italiano che si esplica non solo con gli atleti di prima linea pronti per partire per i Campionati del Mondo di Budapest, ma anche con i tanti giovani che hanno inorgoglito l’Italia sulle pedane campane. Napoli 2019 per la scherma italiana sarà anche l’edizione da ricordare per aver permesso di poter contare su un impianto che potrà continuare ad ospitare importanti eventi, dopo aver avuto queste giornate come banco di prova e con un esame internazionale superato a pieni voti”.