Giornale di approfondimento economico della BCC di Buonabitacolo

Teggiano (SA) – Premio San Giovanni Paolo II 2017 a Piero Marini e Aldo Mari Valli

redazione

papa 1

Teggiano (SA) – L’arcivescovo Piero Marini e Aldo Maria Valli sono i vincitori della II edizione del Premio San Giovanni Paolo II istituito dalla diocesi di Teggiano-Policastro. Organizzato dalla Parrocchia di san Marco Evangelista, guidata da don Vincenzo Gallo, dove è custodita la reliquia dei capelli del Papa santo, il riconoscimento vuole premiare i testimoni autorevoli del lungo e proficuo pontificato di Karol Wojtyla. Per questo motivo, quest’anno la commissione all’unanimità ha deciso di assegnare il premio a monsignor Marini, presidente del Pontificio Comitato per i Congressi Eucaristici Internazionali, che per 20 anni è stato il maestro delle celebrazioni liturgiche pontificie. Il presule, ordinato vescovo proprio da san Giovanni Paolo II nel 1998, è stato tra i più stretti collaboratori del Papa polacco. Un riconoscimento anche per Valli, vaticanista del Tg1, che ha seguito e raccontato per la Rai il pontificato di Wojtyla al quale ha dedicato il volume “Il mio Karol” edito da San Paolo. La premiazione si svolgerà sabato 21 ottobre 2017, alle 18,30, nella Parrocchia di San Marco Evangelista di Teggiano e sarà aperta dall’intervento di Francesco Antonio Grana, Presidente del Premio e vaticanista de ilfattoquotidiano.it. Durante la cerimonia saranno esposte le tavole del fumetto dedicato al Papa polacco realizzato dagli alunni del Liceo Artistico di Teggiano, guidato dal dirigente scolastico Rocco Colombo, anteprima del concorso nazionale che si terrà nel 2018.    Domenica 22 ottobre, festa liturgia di san Giovanni Paolo II, alle 11,30, monsignor Marini  presiederà la solenne concelebrazione eucaristica nella quale sarà amministrato il sacramento della cresima. L’evento è sostenuto dalle Acli della provincia di Salerno guidate da Gianluca Mastrovito che quest’anno doneranno due lavagne per fumetto agli alunni del Liceo Artistico di Teggiano.  “L’idea di premiare coloro che con la loro vita continuano a tenere vivi gli insegnamenti di san Giovanni Paolo II – affermano gli organizzatori – è profondamente condivisa nella nostra comunità che guarda con grande ammirazione a un uomo, oggi santo, che ha saputo parlare al cuore dei credenti e dei non credenti. Un Papa che ha superato ogni tipo di barriera e che ha tanto da insegnare in un tempo in cui sempre più assistiamo al disgregamento delle famiglie e alla corruzione imperante che mina le vite innocenti di tanti nostri giovani”. Stasera, intanto, inizierà il Triduo in onore del Papa Santo.