Giornale di approfondimento economico della BCC di Buonabitacolo

Strage di bambini per l’epidemia di colera nello Yemen

di Lorenzo Peluso

yemen colera

E’ una strage di civili inermi l’epidemia di colera scoppiata nello Yemen.  Nelle ultime settimane 1700 persone, un quarto delle quali bambini, sono decedute.  Secondo le stime della Croce Rossa Internazionale, i casi sospetti di contagio sono oltre 300mila. La situazione è fuori controllo. Le autorità locali hanno pulito le strade con le ruspe. Rimossi i rifiuti, sgomberati i venditori ambulanti.  Arginate e rimosse anche le acque stagnanti, per evitare il peggioramento ma la situazione si aggrava sempre di più. L’epidemia di colera in Yemen è sfuggita di mano anche alla Croce Rossa Internazionale. Secondo l’Ong Oxafam, il piano per l’emergenza sanitaria nel paese è finanziato solo per il 33,8 %. Una crisi dimenticata: da mesi dottori e personale medico non percepiscono stipendio. La malattia si diffonde attraverso l’acqua contaminata e la priorità sono i servizi igenico sanitari. Per l’organizzazione Mondiale della Sanità, il 41% delle vittime sono bambini che presentavano casi di malnutrizione. L’acqua sicura è fondamentale per prevenire il colera: oltre 500 volontari sono stati formati dall’Unicef per depurare l’acqua in pozzi privati, serbatoi d’acqua e cisterne. Ma le strutture sanitarie del Paese sono al collasso.