Giornale di approfondimento economico della BCC di Buonabitacolo

Stop alla Crew Dragon, rinviato di almeno tre giorni il decollo

redazione

Una lunga attesa verso un momento che in molti considerano storico: il primo lancio spaziale di una navicella costruita da un’impresa privata che ha le potenzialità per cambiare per sempre la tipologia dei viaggi oltre l’atmosfera terrestre. Poi, a 16 minuti dal fatidico “zero” nel conto alla rovescia è arrivato lo stop cha ha costretto a rinviare di almeno tre giorni il decollo della Crew Dragon, frutto della tecnologia della SpaceX di Elon Musk, verso la Stazione spaziale internazionale, con a bordo due astronauti americani. Il meteo non è stato dalla parte della Crew Dragon: il lancio della navetta della Space X, previsto alle 22.33 ora italiana da Cape Canaveral è stato rinviato per le condizioni non buone del tempo atmosferico. La nuova finestra di lancio è prevista per sabato pomeriggio.  Un’interruzione che ha deluso il pubblico, tra cui il presidente Trump e il suo vice Pence, ma che la NASA, che ha pianificato la missione insieme a SpaceX, ha ritenuto indispensabile per la sicurezza della missione. Le condizioni del tempo sopra la Florida centrale, infatti, lasciavano un’alta possibilità per la navicella di incappare in fulmini, e un possibile disastro, in questo momento storico e a 11 anni dall’ultimo lancio dal suolo americano, sarebbe stato probabilmente una pietra tombale sulla nuova era spaziale che invece a Washington tutti vogliono aprire, ovviamente all’insegna della potenza e della tecnologia a stelle e strisce.  Jim Bridenstine, amministratore della NASA, ha condiviso la scelta di fermare il conto alla rovescia e ha spiegato, con uno stile tutto americano, che “se non siamo pronti a partire, semplicemente non partiamo”. Prossima possibile tappa di questa lenta rincorsa a una nuova storia il 30 maggio. Trump su Twitter ha scritto che ci sarà, anche se, al momento, le previsioni meteo restano molto incerte e tutt’altro che rassicuranti.