Giornale di approfondimento economico della BCC di Buonabitacolo

Spreco alimentare – Le famiglie buttano cibo per 6 miliardi di euro

redazione

Secondo la FAO nel mondo vengono sprecate 1,3 miliardi di tonnellate di cibo ogni anno, per un valore di oltre 2.000 miliardi di euro; in Italia vengono buttati nella spazzatura annualmente alimenti per un valore di circa 12,6 miliardi di euro ogni anno. Il solo spreco di cibo tra le mura domestiche, arriva a 6 miliardi euro, circa 4,5 euro settimanali a famiglia: in sostanza ciascuno di noi spreca 85 kg di cibo che potrebbe essere riutilizzato. Lo ricorda l’Unione Nazionale Consumatori in occasione della Giornata nazionale antispreco alimentare. “La lotta agli sprechi coinvolge l’intera filiera, ma noi intendiamo richiamare soprattutto i consumatori ad una maggiore responsabilità”, commenta il presidente Massimiliano Dona. Per questo motivo, nell’ambito del progetto LIFE_Food. Waste.StandUp, co-finanziato dal programma LIFE 2014-2020 con Federalimentare (capofila), Federdistribuzione, Fondazione Banco Alimentare Onlus, l’Unione Nazionale Consumatori è in prima fila per educare i consumatori a rafforzare il livello di consapevolezza e conoscenza delle pratiche di prevenzione dei rifiuti alimentari. “Sapevate ad esempio – aggiunge – che alcuni alimenti come insaccati e uova durano di più se riposti in frigorifero piuttosto che a temperatura ambiente? E che per conservare fragole e frutti di bosco è meglio maneggiarli il meno possibile? Così come trovare su un prodotto confezionato l’indicazione ‘da consumarsi preferibilmente entro il…’ significa che il prodotto oltre quella data si può ancora mangiare anche se perde un po’ in qualità, mentre ‘da consumarsi entro’ si riferisce alla vera e propria data di scadenza oltre la quale non è più possibile consumare quel cibo.”