Giornale di approfondimento economico della BCC di Buonabitacolo

Slitta di un anno il mercato libero per bollette luce e gas

redazione

Slitta di un anno la completa liberalizzazione del mercato dell’energia che viene spostata a luglio 2019. Nel disegno di legge sulla concorrenza che approderà nell’Aula del Senato dopo Pasqua sarà inserita una norma per l’abolizione delle tariffe trimestrali di luce e gas e il passaggio obbligatorio di famiglie e pmi al mercato libero spostato in avanti di un anno rispetto al luglio 2018. I consumatori passeranno allora dal cosiddetto regime di maggior tutela, con le tariffe fissate trimestralmente dall’Autorià dell’Energia, all’obbligo di aderire a una delle offerte proposte dalle varie aziende sul mercato. Attualmente è possibile passare sul mercato libero in modo volontario. Al 31 dicembre 2016 i clienti domestici del mercato elettrico serviti in maggior tutela sono 18,5 milioni (64% circa), mentre i clienti del mercato libero sono 10,5 milioni (36%). I clienti non domestici nella maggior tutela sono 3,5 milioni, così come quelli del mercato libero. Per quanto riguarda il gas al 31 dicembre 2015 i clienti domestici (uso domestico condominio + uso domestico) erano 21 milioni 182mila. Di questi il 68% era in tutela (14 milioni e 403mila) e il 32% nel mercato libero (6 milioni 778mila).