Giornale di approfondimento economico della BCC di Buonabitacolo

Sicurezza stradale – Sanzioni più severe per chi guida sotto l’effetto di alcool o droga.

redazione

4 italiani su 10 ritengono che la sicurezza stradale nel nostro Paese sia diminuita negli ultimi 5 anni: i recenti fatti di cronaca incidono sulla percezione dell’opinione pubblica. È uno dei dati che emerge dal sondaggio condotto per il Tg3 dall’Istituto Demopolis. La stragrande maggioranza dei cittadini mostra di conoscere le regole del codice della strada, indicando con chiarezza i comportamenti al volante più pericolosi, dalla guida sotto l’effetto di droghe o dopo aver bevuto alcolici, all’elevata velocità sino al crescente uso scorretto del telefono durante la guida. “Nello stesso tempo – spiega il direttore di Demopolis Pietro Vento – gli italiani ammettono di incorrere nelle violazioni del codice della strada. Con dati che appaiono ancora più preoccupanti se si analizzano i comportamenti alla guida dei più giovani”. Oltre il 60% ammette di aver superato i limiti di velocità, il 53% di aver utilizzato il cellulare senza auricolare o vivavoce, il 38% di aver chattato o guardato un video durante la guida. Colpisce soprattutto l’ultimo dato rilevato: in media, a 3 italiani su 10 e al 44% degli under 35 capita di guidare dopo aver bevuto. L’opinione pubblica chiede sanzioni più severe per chi guida sotto l’effetto di alcool o droga, più controlli nelle strade, ma anche intorno ai locali notturni, soprattutto nei fine settimana. Nota informativa – L’indagine è stata effettuata dall’Istituto Demopolis, diretto da Pietro Vento, dal 13 al 15 gennaio 2020 su un campione stratificato di 1.500 intervistati, rappresentativo dell’universo della popolazione italiana maggiorenne.