Giornale di approfondimento economico della BCC di Buonabitacolo

Sanza (SA) – Undici studenti tedeschi per dieci giorni ospiti delle famiglie.

redazione

Sanza (SA) – Sono giunti in serata, provenienti dal Klettgau, nel sud della Germania, undici gli studenti tedeschi che, nell’ambito del Gemellaggio tra città, sono ospiti a Sanza per i prossimi dieci giorni. Un’accoglienza festosa, organizzata dalle famiglie ospitanti e dal Comitato di Gemellaggi, coadiuvato dall’amministrazione comunale, per dare corso al consueto progetto di scambio culturale tra le due comunità, attivo da 12 anni. Grande emozione nella sala conferenze della Scuola media Statale, con l’assegnazione degli undici piccoli studenti alle relative famiglie dove saranno ospiti. Molto impegnativo il programma di studio offerto quest’anno dal Comitato di Gemellaggi di Sanza. Oltre alle normali attività didattiche, presso l’Istituto comprensivo di Sanza, sono previste infatti visite guidate e conoscitive del territorio. Alle Grotte di Pertosa e al Museo Mida di Pertosa-Auletta; escursioni sul Monte Cervati “la vetta più alta della Campania” per la visita delle bellezze naturalistiche; escursione didattico educativa  presso la costa degli Infreschi e della Masseta, “Area Marina Protetta”  nel comune di Marina di Camerota con relativo giro in barca per ammirare le stupende insenature di natura carsica con acque cristalline e flora marina intatta, con possibilità di fare il bagno nelle acque cristalline; visita della Certosa di San Lorenzo e del Battistero Paleocristiano San Giovanni in Fonti a Padula con successiva visita al Museo Civico Multimediale/Casa Museo Joe Petrosino. Ma non solo questo. Durante la settimana di permanenza ci sarà occasione per conoscere e visitare anche alcuni laboratori artigianali per la lavorazione delle calzature, per la trasformazione dei prodotti lattiero-caseari di allevamenti ovi-caprini. Ad ottobre poi, gli studenti di Sanza si recheranno nel Klettgau, per una settimana, vivendo così l’esperienza di frequentare la scuola ed essere ospitati in famiglie straniere. Undici studenti e tre accompagnatori intanto da oggi inizieranno questo percorso di integrazione che li avvicinerà al concetto di Europa dei popoli.