Giornale di approfondimento economico della BCC di Buonabitacolo

Sanza (SA) – Studenti di un master internazionale di specializzazione fanno visita al Monastero di Salemme.

redazione

Sanza (SA) – Oggi pomeriggio un gruppo di studenti universitari che partecipano ad un master internazionale di specializzazione sul recupero ed il  restauro degli edifici storici, accompagnati dal prof. Ferrigno della facoltà di Ingegneria della Federico II di Napoli, saranno ospiti dell’amministrazione comunale di Sanza per conoscere ed approfondire il progetto di restauro dell’antico Monastero di Salemme, oggi sede del Centro di Educazione Ambientale del Parco Nazionale del Cilento vallo di Diano ed Alburni.  A fornire ogni spiegazione utile saranno l’architetto Francesco Curcio ed il tecnico comunale, geometra Giuseppe Viglietta. Di notevole importanza la scelta fatta dall’Università Federico II di Napoli di individuare il progetto di recupero dell’antico monastero di Salemme quale esempio virtuoso di restauro architettonico e funzionale da mostrare ai partecipanti del master che include professionisti provenienti da diversi paesi europei. “Un modello di riqualificazione urbanistica e storico-culturale, ma soprattutto un esempio di restituzione al patrimonio collettivo di una struttura abbandonata da anni e che ora è il fiore all’occhiello del patrimonio comunale, reso disponibile all’Ente Parco quale centro di educazione ambientale – ha commentato il sindaco Vittorio Esposito – il recupero di questa struttura è stata una vera scommessa. Oggi, il fatto stesso che sia un punto di riferimento per gli ambienti universitari prestigiosi, come la Federico II, rende  merito al nostro lavoro” ha aggiunto il sindaco Esposito.