Giornale di approfondimento economico della BCC di Buonabitacolo

Sanza (SA) – Numeri record per l’edizione 2017 del Meeting del Cervati

lavoratori

Sanza (SA) – Un successo straordinario l’edizione 2017 di Aspettando il Meeting della Montagna a Ruscio di Vallevona, sul Monte Cervato. Una due giorni, il 14 ed il 15 agosto contrassegnata dalla presenza di oltre 3mila persone che hanno vissuto la bellezza e l’incanto naturalistico della vetta più alta della Campania. Di grande spessore il convegno: il futuro delle aree interne, che ha aperto di fatto il Meeting con l’interessante dibattito che ha visto protagonisti il sindaco di Sanza, Vittorio Esposito; il presidente emerito della BCC di Buonabitacolo, il prof. Giovanni Rinaldi; il presidente del GAL Vallo di Diano, Attilio Romano ed il vicepresidente della Commissione Ambiente della Camera dei Deputati, l’on. Tino Iannuzzi. A moderare il dibattito il direttore di quasimezzogiorno.it, il giornalista Lorenzo Peluso. “Questo è l’inizio di un nuovo corso per la nostra comunità; il nostri impegno sarà concentrato alla valorizzazione del Monte Cervato e delle sue peculiarità attraverso l’entusiasmo e le idee di centinaia di giovani che hanno dato vita alla Pro Loco che supporterà l’azione dell’amministrazione comunale nel percorso difficile ed impegnativo di valorizzazione e promozione turistica di questo luogo” ha esordito il presidente della Pro Loco, Vittorio Breglia nel suo messaggio di saluto. A seguire la provocazione dell’ex sindaco di Sanza, l’avvocato Antonio Peluso, al quale si deve la creazione del Meeting del Cervato, otto anni fa. “Credo sia necessario che ora più che mai si punti alla creazione di una struttura, costola operativa del Comune di Sanza, che punti su un progetto complessivo di gestione turistica di questo luogo” ha affermato l’avvocato Peluso. “Credo in questo progetto ed è per questo che, quale esempio concreto di un possibile percorso di investimento reale qui sul Cervato, consegno un assegno in bianco, mettete voi la cifra, quale primo sostenitore e sottoscrittore di un sodalizio, un soggetto imprenditoriale, che possa contribuire realmente alla realizzazione della nostra visione: il Cervato fonte di turismo ecosostenibile” ha affermato l’avvocato Peluso consegnando simbolicamente un assegno al sindaco di Sanza, Esposito. Un gesto importante rimarcato dall’intervento del sindaco Esposito che ha assunto l’impegno a stringere i tempi sfruttando la filiera istituzionale e politica per dare corso al grande progetto di valorizzazione del Cervato, innanzitutto puntando alla riqualificazione infrastrutturale della vetta. Un impegno concreto supportato anche dalla BCC di Buonabitacolo. “Siamo qui per riaffermare la nostra condivisione e offrire il nostro supporto anche economico al progetto di valorizzazione del Cervato. La nostra è la banca del territorio e non può non dare il necessario supporto alla crescita delle nostre comunità. Investire sul Cervato è investire sul futuro” ha affermato il presidente Rinaldi. Interessante poi la relazione del Presidnete del GAL Vallo di Diano, Attilio Romano che ha messo in evidenza le opportunità economiche derivanti dai bandi emanati dal GAL per l’imprenditorialità che potrà aggiungersi al percorso di valorizzazione del Cervato: “questo è patrimonio comune, di tutti, dunque l’innesco economico che si potrà attivare sul Cervato è inevitabilmente beneficio sociale ed economico per l’intero Vallo di Diano” ha affermato Romano. Infine l’intervento dell’on. Tino Iannuzzi che ha sottolineato come sia necessario un confronto istituzionale di filiera, partendo dalla Regione Campania e passando per l’Ente Parco nazionale del Cilento Vallo di Diano e Alburni, al fine di agevolare il percorso burocratico ed amministrativo che porti all’approvazione di un progetto complessivo di valorizzazione delle aree interne e delle comunità che ruotano sul massiccio del Cervato, ben nove comuni. “Tutela dell’ambiente, certamente; ma anche sostegno all’economia delle piccole realtà che devono continuare a vivere. la nuova Legge sulle aree protette darà quei necessari margini che possano coniugare la protezione dell’ambiente allo sviluppo delle aree protette. Mai più Parchi vittime di norme che congelano ed ingessano i territori. Lavoriamo e continueremo a farlo per garantire le risorse necessarie a far rinascere questi luoghi e questi piccoli paesi che per secoli hanno avuto sostentamento dalle grandi ricchezze ambientali e naturalistiche, negli ultimi anni purtroppo bloccate da una visione restrittiva e protezionistica che ha fatto letteralmente morire l’economia locale” ha affermato l’on. Iannuzzi. Una due giorni dunque di grande spessore politico e culturale arricchite dal concerto di musica popolare dei Sibbenga Sunamo la notte del 14 agosto. Poi la giornata del Ferragosto con la presenza di migliaia di persone che hanno potuto godere di ottima enogastronomia, escursioni all’Affunnaturo di Vallevona e tanta buona musica. “Un successo oltre ogni aspettativa – ha commentato il sindaco Esposito – frutto del grande lavoro di questi giovani che credono in un futuro possibile per la nostra comunità. Un entusiasmo che ci da forza e speranza. da subito ci metteremo a lavoro per dare concretezza agli impegni assunti in questa due giorni. E’ questa l’unica grande scommessa che intendiamo vincere” ha concluso il sindaco Esposito.

meeting convegno

meeting pubblico

pasta