Giornale di approfondimento economico della BCC di Buonabitacolo

Sanza (SA) – Librando ospita ”I giardini di Bagh-e Babur”. Mercoledì 14 agosto.

di Antonella D'Alto.

Sanza (SA) – L’autorevolezza del vicedirettore di QN, il giornalista Angelo Raffaele Marmo, offrirà una riflessione a tutto tondo sul fenomeno dell’instabilità globale partendo dai diversi conflitti che interesano aree come il Medio Oriente e l’Asia. Il punto di partenza sarà l’ultimo libro del reporter Lorenzo Peluso, ”I giardini di Bagh-e Babur”. Una lucida cronaca dei viaggi intrapresi dal giornalista salernitano per alcune delle più pericolose zone calde del XXI secolo, attraversando l’Afghanistan, il Kurdistan e l’Iraq. Un lungo viaggio, umano e fotografico, in cui l’autore prende per mano il lettore e lo guida tra le retrovie dei conflitti armati e i retroscena delle stanze dei bottoni, informandolo delle drammatiche condizioni di vita (e di morte) dei paesi interessati dai conflitti. A dialogare con l’autore ci sarà lo storico prof. Felice Fusco oltre che il giornalista Angelo Raffaele Marmo ed il sindaco di Sanza, Vittorio Esposito. A moderare l’incontro sarà l’Assessore alle politiche sociali del Comune di Sanza, Marianna Citera. L’incontro, organizzato dall’amministrazione comunale di Sanza, nell’ambito della manifestazione Librando 2019, si terrà sulla terrazza di Piazza Cavour mercoledì 14 agosto alle ore 21.00. A proporre letture del testo I Giardini di Bagh-e Babur, sarà la Consulta delle Donne. I Giardini di Bagh-e Babur si presenta come uno dei rarissimi casi di espressione letteraria di guerra vissuta da parte di un giornalista-autore italiano del nuovo millennio. «La guerra che il lettore del nuovo millennio conosce  – spiega Carmine Pinto autore della prefazione –costituisce solo una rappresentazione digitale, con tutte le semplificazioni, le banalizzazioni e le distorsioni che ne conseguono. Nel testo si analizza anche il ruolo dell’Isis che ha origini complesse e che non si esauriscono nella religione». Appuntamento dunque è sulla terrazza di Piazza Cavour mercoledì 14 agosto ore 21.00.