Giornale di approfondimento economico della BCC di Buonabitacolo

Sanza (SA) – In musica ed al calore del fuoco in piazza si chiude il Meeting del Cervati

redazione

Sanza (SA) – Il  Concerto di Fine Anno nella Chiesa di San Francesco, per salutare il 2018 e propiziare i buoni auspici per l’anno che verrà, ha concluso domenica 30 dicembre, le iniziative programmate e realizzate nel 2018 nell’ambito del progetto Meeting del Cervati, cofinanziato dal POC Regione Campania, dall’amministrazione comunale di Sanza. Un grande successo di critica e di pubblico per “Armonie dissonanti”, un concerto per soprano e baritono, accompagnati da violino, flauto e pianoforte. Un grande evento  con protagonisti i maestri: Angela Gragnaniello soprano; Saverio Sangiacomo baritono; Luca Gaeta al violino; Fedele Ciccarino al flauto e Giuseppe Cillis pianoforte; che hanno emozionato ed incantato il pubblico con sedici brani da Bach a Morricone passando per Mascagni. Grande soddisfazione del sindaco Vittorio Esposito per un percorso che consacra una visione nuova, diversa, di sviluppo del territorio che mette al centro la cultura ed il bello, partendo dal grande stimolo che offre la straordinaria bellezza della vetta più alta della campania, il Monte Cervati. A presentare la serata  il Consigliere comunale Angelo Marotta che preannunciato un 2019 che seguirà il percorso segnato dal Meeting del Cervati. “Siamo già a lavoro per l’edizione 2019, stiamo elaborando il progetto che presenteremo alla Regione Campania per dare seguito alla valorizzazione del territorio che mette al centro la vetta del Cervati. In gennaio incontreremo il governatore De Luca che verrà a Sanza per presnetare formalmente il progetto del Grande attrattore naturalistico della Campania, il Cervati. Il nostri impegno è attivare un percorso virtuoso che metta a sistema il nostro grande patrimonio, non del singolo comune di Sanza, ma viceversa dell’intero comprensorio che orbita alle falde del Cervati. E’ questa la strada giusta per la crescita e per dare speranza al territorio. E’ questa la nostra scommessa” ha concluso il consigliere Marotta. La serata poi si è conclusa al calore del fuoco accesso in piazza XXIV maggio su iniziativa del Consigliere comuanale Antonio Cozzi. “Il fuoco come simbolo del focolaio domestico. La necessità di ritrovare la famiglia,  il senso dello stare insieme. Il fuoco simbolo di unione” ha aggiunto il consigliere Cozzi. Non poteva mancare poi una degustazione di tipicità gastronomiche natalizie su iniziativa della Consulta delle Donne, che così chiude questo anno ricco di eventi ed iniziative, con la promessa e l’impegno a fare di più e meglio il prossimo anno.