Giornale di approfondimento economico della BCC di Buonabitacolo

Sanza (SA) – Consegnato alla comunità locale “Muddiche re gnagna”

redazione

Presentato a Sanza sabato 8 ottobre, nella Cappella dell’Arciconfraternita “Santa Maria della Neve”, il nuovo libro di Rita Giordano, già dirigente scolastico e attualmente Presidente della locale Università Popolare, dal titolo Muddiche re gnagna (briciole di sapienza), con sottotitolo “Letteratura, Cultura e oralità popolare”. Dopo i saluti dal Vice Presidente dell’Università Popolare, Giusepe Laveglia, del sindaco di Sanza Francesco De Mieri e del Presidente della BCC di Buonabitacolo, Pasquale Gentile, il libro è stato presentato dal Direttore della BCC, Angelo De Luca, dal giornalista Giuseppe D’Amico e dal Preside Emerito, Adolfo Manzione. Perfetta la “regia” della manifestazione affidata al giornalista Lorenzo Peluso.

Di assoluto spessore l’intervento del giornalista Geppino D’Amico, ricco di contenuti e spunti storici importanti sulla qualità della ricerca storica locale. Un viaggio nel passato, tra ricordi ed aneddoti personali, con uno sguardo al futuro, l’intervento del direttore De Luca.
Il libro della Giordano, che con felice espressione è stata definita dal preside Manzione “La spigolatrice di Sanza” per le sue ricerche tra le famiglie sanzesi, vede la luce tre anni dopo un altro volume non meno interessante dal titolo “Il dialetto sanzese parlato e scritto”, colma un vuoto. E’ di facile lettura ed è certamente utile per ripercorrere momenti ed episodi della vita e della storia di Sanza. Infatti, oltre ai proverbi, ci sono altri argomenti interessanti: usi e credenze, religiosità Popolare, superstizioni, alimentazione senza dimenticare la condizione della donna analizzata nella famiglia di origine, nella nuova famiglia quando va in sposa e nel rapporto con i figli. Particolarmente accattivanti le pagine dedicate agli indovinelli ed ai soprannomi che vengono ancora oggi usati per indicare una persona e la sua famiglia. Un libro da leggere per saperne di più sulle tradizioni di Sanza e del Vallo di Diano.