Giornale di approfondimento economico della BCC di Buonabitacolo

Sant’Arsenio (SA) – Impianto di biometano, occorre la VIA, la VAS ed anche la Valutazione di Incidenza

redazione

Sant’Arsenio (SA) – Con Decreto Dirigenziale n. 79 del 01/09/2017 , pubblicato sul BURC dell’ 11/09/2017, la Giunta della Regione Campania  Direzione generale per l’ambiente, la difesa del suolo e l’ecosistema ha disposto di “assoggettare alla procedura di Valutazione di Impatto Ambientale integrata con la Valutazione di Incidenza, su conforme parere della Commissione V.I.A.( Valutazione di Impatto Ambientale), V.A.S.  (Valutazione Ambientale Strategica) e V.I.( Valutazione di Incidenza)  espresso nelle sedute del 07/06/2017 e 19/07/2017, il progetto di “Realizzazione di un Impianto di digestione anaerobica della frazione organica dei rifiuti con produzione di biometano da realizzarsi in loc. Pozzo area PIP del Comune di Sant’Arsenio (SA)”, proposto dalla Biometano Salernitano s.r.l. per le seguenti motivazioni: il progetto presentato individua un’area appartenente alle aree contigue del Parco Nazionale del Cilento Vallo di Diano e Alburni, pertanto secondo il Piano del PNCVDA art. 6 c.4, l’intervento deve essere sottoposto a procedura di Valutazione d’Impatto Ambientale e inoltre per la vicinanza dell’area di impianto con il SIC (Sito di Interesse Comunitario) “Monti Alburni”. Proprio per questo motivo la Commissione VIA VAS ha stabilito che la Valutazione di Impatto Ambientale a farsi dovrà essere integrata dalla Valutazione di Incidenza in quanto la distanza tra il perimetro esterno del SIC e l’impianto è tale da far presumeremo la possibilità che dalla sua realizzazione e/o esercizio possano derivare effetti significativi sui valori naturalistici tutelati nell’area SIC . In pratica il progetto di realizzazione di un impianto di digestione anaerobica della frazione organica dei rifiuti con produzione di biometano in località Pozzo a Sant’Arsenio dovrà ottenere, per un eventuale realizzazione, i pareri positivi delle tre commissioni regionali che come si intende, si occupano di tutela ambientale in ambito regionale. Nel’ area  SIC (sito di interesse comunitario per la tutela degli habitat naturali della flora e della fauna selvatica e definita tale anche  in seguito a ritrovamenti archeologici) e nelle aree di rispetto sono esclusi interventi edilizi ed infrastrutturali  di qualsiasi natura se non autorizzati dalla Sovraintendenza. Si tratta di un importante risultato ottenuto dal Comitato No Biometano di Sant’Arsenio che si oppone alla realizzazione dell’impianto sul territorio comunale di Sant’Arsenio e che sta portando avanti anche una dura battaglia legale. “Non abbasseremo la guardia, assicurano dal Comitato No Biometano di Sant’Arsenio, ed andremo avanti nella nostra battaglia finchè non sarà scongiurata definitivamente la possibilità che venga realizzato un impianto di biometano sul territorio di Sant’Arsenio”. Un importante passo avanti compiuto dal Comitato grazie anche alla consulenza del Professore Vincenzo Belgiorno, Ordinario di Ingegneria Sanitaria-Ambientale e al sostegno dell’ente Parco Nazionale del Cilento Vallo di Diano ed Alburni, presieduto dal dott. Tommaso Pellegrino e alla Comunità Montana Vallo di Diano, presieduta dall’arch. Raffaele Accetta.