Giornale di approfondimento economico della BCC di Buonabitacolo

Salute – Cibo spazzatura ogni giorno per il 25% dei giovani

redazione

Nel periodo 2016-2017, il 74,2 per cento dei bambini e degli adolescenti consuma frutta e/o verdura ogni giorno, ma solo il 12,6 per cento arriva a consumarne 4 o più porzioni (11,4 per cento nel 2010-2011). Lo dicono i dati raccolti dall’Istat nel rapporto sugli stili di vita di bambini e adolescenti, relativo al periodo 2017-2018, diffuso il 29 ottobre. Secondo l’Istat, è elevata la quota di quanti consumano quotidianamente dolci (28,3 per cento), bevande gassate (24,9 per cento) e snack salati (13,8 per cento), anche se negli ultimi anni il consumo giornaliero di bevande gassate è diminuito molto (dal 31 per cento del 2010-2011 al 24,9 per cento del 2016-2017), mentre per i dolci (dal 29,7 per cento al 28,3 per cento) e soprattutto per gli snack salati il calo è decisamente più modesto (dal 15,1 per cento al 13,8 per cento). Lo studio dell’Istat rivela ancora che il consumo quotidiano di snack salati coinvolge l’8,5 per cento di bambini e ragazzi (3-17 anni) che vivono in famiglie di status socioculturale più elevato e il 18,1 per cento di quelli che hanno almeno un genitore con al massimo la licenza media. Analoghe influenze si osservano nell’abitudine al consumo di bevande gassate che interessa il 18,8 per cento degli adolescenti se almeno uno dei genitori ha la laurea o un titolo superiore e il 29,6 per cento di quelli con genitori che hanno frequentano al massimo la scuola dell’obbligo.