Giornale di approfondimento economico della BCC di Buonabitacolo

Salute, 1 cittadino su 2 rinuncia alle cure

redazione

Accedere ai servizi sanitari è diventato più difficile: più di un cittadino su due (il 56% nel 2017, +2% rispetto al 2016) denuncia di non riuscire a curarsi nelle strutture pubbliche. Aumentano i tempi per le liste di attesa, le segnalazioni sono salite dal 54,1% del 2016 al 56% dello corso anno. Il maggiore disagio riguarda le visite specialistiche, in particolare quelle oncologiche (segnalazioni dal 7,8% del 2016 al 9,9% del 2017), per chemio e radio terapia. A fornire i dati è il 21mo Rapporto PIT Salute Cittadinanzattiva – Tribunale del malato. L’accesso ai servizi sanitari pubblici può trasformarsi in un’operazione complessa sia per i tempi che per i costi, spiega il rapporto. Ma a pesare sono i costi: quello dei farmaci, con le segnalazioni che passano dal 19,4% del 2016 al 23,8% del 2017, e quello dei ticket per esami diagnostici e visite specialistiche nonostante la percentuale di persone che si è rivolta a Cittadinanzattiva per questo argomento sia passata dal 33,8% del 2016 al 30,9% del 2017. Per i pazienti che non riescono ad ottenere una visita specialistica o un esame diagnostico in tempi brevi, l’altra croce è l’intramoenia: i costi di accesso alle prestazioni sanitarie vengono segnalati dal 14,6% dei pazienti rispetto al 13% del 2016. Risultano poi in aumento i problemi relativi all’assistenza territoriale, in particolare per quella di base erogata da medici di famiglia e pediatri. Il quadro della sanità italiana vista dai cittadini che emerge dal 21mo Rapporto PIT Salute, “Tra attese e costi, il futuro della salute in gioco” è stato presentato oggi a Roma da Cittadinanzattiva-Tribunale per i diritti del malato, con il sostegno non condizionante di Fnopi, Fnomceo e Fofi. I dati fanno riferimento all’analisi di 20.163 contatti gestiti, fra gennaio e dicembre 2017.