Giornale di approfondimento economico della BCC di Buonabitacolo

Salerno – Intitolare una Strada o una Piazza al Professore Vincenzo Buonocore

redazione

Salerno – Intitolare una Strada o una Piazza della città al Professore Vincenzo Buonocore, scomparso il 17 gennaio 2009. Lo chiede il deputato salernitano Tino Iannuzzi che ha incontrato e discusso l’argomento con il sindaco Enzo Napoli.  “Ho incontrato il Sindaco di Salerno Vincenzo Napoli al fine di rappresentare  la opportunità, che ho motivato in una articolata lettera, di intitolare una Strada o una Piazza della nostra Città al Professore Vincenzo Buonocore, scomparso il 17 gennaio 2009” ha riferito il deputato del PD, Tino Iannuzzi che aggiunge: “Buonocore è  stato una insigne figura Salernitana di Giurista, Docente Universitario in Istituzioni di Diritto Privato e in Diritto Commerciale, Intellettuale, investito di rilevantissime responsabilità pubbliche esercitate sempre con prestigio, competenza ed assoluto rigore”. “Allievo prediletto del grande Caposcuola napoletano del Diritto Commerciale Alessandro Graziani, è stato Preside di Facoltà a Cagliari, Perugia, Salerno, Autore, in più di 50 anni di docenza ed attività accademica, di una sterminata produzione scientifica con Manuali, Monografie e oltre 250 Pubblicazioni. Unanimemente riconosciuto come un Gigante delle discipline privatistiche e societarie, ha diretto prestigiose Riviste specializzate”.

“Ha avuto un ruolo decisivo per lo sviluppo della nostra Università – dichiara Iannuzzi –  in particolare come Rettore dal 1 novembre 1980 al 2 luglio 1987 e Presidente della Conferenza dei Rettori delle Università italiane dal 1984 al 1987. E’ stato Deputato dal 1987 al 1992 nella circoscrizione Salerno-Avellino-Benevento. Nella sua vastissima attività di studio e ricerca, fu una sorta di “Padre giuridico” del mondo delle Casse Rurali poi divenute Banche di Credito Cooperativo”. “Ma, ancor prima del Suo percorso culturale ed accademico così autorevole, Vincenzo Buonocore è stato uno dei pochi e veri Maestri dell’Università italiana, segnalandosi non solo per infinita preparazione giuridica, innovazione e profondità della ricerca, poliedrica cultura umanistica, storica, musicale, capacità di analisi della evoluzione della società, altissimo senso delle Istituzioni; ma anche e soprattutto per dedizione assoluta alla formazione, alla cura ed alla crescita dei Giovani, Studenti ed Allievi, che in Lui trovarono sempre un prezioso faro di insegnamenti, di valori, un Esempio irreprensibile nell’adempimento scrupoloso dei Suoi compiti e doveri istituzionali”. “Tante Generazioni di Docenti Universitari, Magistrati, Avvocati, Dirigenti e Funzionari dello Stato hanno avuto la fortuna di formarsi alle Sue memorabili e seguitissime Lezioni, già in se’ compiute e superbe monografie. La formazione dei Giovani e’ stata la “missione” di tutta la Sua vita. Pertanto Vincenzo Buonocore, per anni titolare delle Cattedre di Diritto Privato e poi Diritto Commerciale nel nostro Ateneo, è stato sempre considerato non un Professore, ma “il Professore”, non un Rettore ma “il Rettore” per eccellenza, volendo così sottolineare la Sua statura di Studioso e Maestro”. “Significativamente il Comune di Salerno con la Federazione Nazionale e Regionale delle Banche di Credito Cooperativo ha voluto costituire nel 2011 la Fondazione Buonocore, proprio per proseguirne gli Insegnamenti e favorire la ricerca di Giovani Studiosi. E Buonocore in tutto il Suo percorso, ammirato e riconosciuto ben al di là dei confini del nostro Paese, ha sempre conservato un legame profondissimo con Salerno, scegliendo di vivere ed esercitare la Sua professione nella nostra Città, durante la fase più matura della carriera”.

“Il Sindaco di Salerno – ha concluso Tino Iannuzzi – ha espresso la piena e convinta volontà di intitolare una Strada al Professore Vincenzo Buonocore, proprio per scolpire per sempre ed anche simbolicamente il Suo grande Insegnamento nella storia e nella vita della Città di Salerno, che il Professore portò sempre nel cuore, con orgoglio ed amore per la Sua Comunità”.