Giornale di approfondimento economico della BCC di Buonabitacolo

Salerno – Evade dal carcere, nuovamente arrestato tre ore dopo.

redazione

Salerno – Un detenuto ventenne, Gabriele Amico, salernitano, in carcere per maltrattamenti in famiglia, è evaso dal carcere di Salerno dal cortile passeggi. Lo ha reso noto il segretario generale del Sappe, Donato Capece, spiegando che “dopo un concitato inseguimento, il giovane è stato bloccato dai colleghi della polizia penitenziaria presso la stazione ferroviaria della città e subito riaccompagnato presso l’Istituto Penitenziario”. L’allarme e’ scattato verso le 15 di iqeri quando il personale di servizio si e’ accorto della fuga. Il giovane e’ stato nuovamente arrestato tre ore dopo, verso le ore 18. Il recluso non e’ nuovo a questi episodi: in passato ha tentato la fuga con scarso successo, riferisce la polizia penitenziaria. Il sindacato autonomo polizia penitenziaria SAPPE “da tempo denuncia le ormai croniche criticit’ operative del carcere salernitano, dovute a carenze organiche e strutturali ed alla mancanza di sistemi adeguati di sicurezza quali videosorveglianza e meccanizzazione dei posti di servizio. Non si puo’ non ricordare le diverse visite ispettive che hanno rilevato evidenti discrasie gestionali tra le quali la carente politica gestionale che ha penalizzato il personale in servizio h 24”, con riferimento “alle poche donne ed uomini impiegati nei settori detentivi ed abbandonati a se stessi mentre in altri settori vengono impiegate unita’ in sovrannumero nonostante la riduzione degli organici conseguente agli effetti negativi della legge Madia, mentre la popolazione detenuta aumenta”. Le unita’ operative decentrate “non sono mai decollate, straordinari e congedi ordinari si accumulano oltre il dovuto. Quasi tutte le OO.SS. hanno evidenziato la necessita’ dell’avvicendamento dei vertici in considerazione dell’alto numero di eventi critici di diversa natura registrati (traffici di stupefacenti-apparecchi telefonici – pen drive; aggressioni a personale e tra detenuti- ) il tutto nell’indifferenza totale delle varie Autorita’ Responsabili deputate agli interventi dovuti”.