Giornale di approfondimento economico della BCC di Buonabitacolo

Sala Consilina (SA), il 7 febbraio gli studenti del Cicerone incontrano Giorgio Perlasca

di Antonella D'Alto

Appuntamento di grande spessore culturale per i ragazzi dell’Istituto Cicerone di Sala Consilina che venerdì 7 febbraio incontreranno Franco Perlasca, figlio di Giorgio Perlasca, eroe italiano che nel corso della seconda guerra mondiale, fingendosi Console spagnolo, salvò la vita di oltre 5mila ebrei dalla Shoah. Il convegno, organizzato dal Rotary Club di Sala Consilina-Vallo di Diano, rientra nell’ambito degli incontri dedicati alla Giornata della Memoria, ricorrenza internazionale celebrata il 27 gennaio di ogni anno per commemorare le vittime dell’Olocausto.  All’evento dal titolo “Giorgio Perlasca, un eroe italiano” che si terrà presso l’aula Magna dell’Itis-Ipsia alle ore 11,00, interverranno Domenico Paladino, presidente Club Rotary di Sala Consilina- Vallo di Diano, Antonella Vairo,  dirigente Scolastica del Cicerone ed il sindaco di Sala Consilina Francesco Cavallone. Coordinerà il convegno ed il dibattito con gli studenti il giornalista Giuseppe D’Amico. Funzionario, filantropo e commerciante Giorgio Perlasca, nell’inverno del 1944, fingendosi un diplomatico spagnolo riuscì a salvare dai campi di concentramento dei nazisti oltre 5000 ebrei ungheresi.  Il suo operato venne scoperto solo nel 1988 per merito di due donne ungheresi, che lui aveva salvato e che decisero di rintracciare il loro eroe. Sulla sua figura è stato anche realizzato un film che la Rai ha mandato in onda nel 2002, in occasione del Giorno della Memoria. La pellicola dal titolo “Perlasca. Un eroe italiano” racconta la vita di Perlasca dal suo lavoro a Budapest fino al suo ritorno in Italia dopo la fine della guerra.