Giornale di approfondimento economico della BCC di Buonabitacolo

Rischio contaminazione da Escherichia Coli, ritirati formaggi francesi

redazione

Per un formaggio francese morbido è stato predisposto il richiamo dal mercato da parte del ministero della Salute per sospetta contaminazione dal batterio Escherichia Coli. Si tratta del formaggio Bisù, a latte crudo. Il ministero ha disposto il ritiro su segnalazione delle autorità francesi. Il formaggio infettato ha provocato oltralpe una serie di casi di sindrome emolitica uremica: un grave disturbo che si manifesta con anemia, riduzione delle piastrine e insufficienza renale acuta. Il ministero della Salute invita chi ha comprato questo formaggio a non mangiarlo e a riportarlo in negozio. Sul sito del dicastero si legge che è stato disposto il richiamo del formaggio morbido a latte crudo Bisù per “sospetta contaminazione da Escherichia Coli di tipo O26”. Il ritiro riguarda i lotti del prodotto 19066, 19087 e 19102 e il ministero avverte di “non consumare il prodotto e di restituirlo al punto vendita”. La segnalazione è arrivata dalla Francia attraverso il sistema europeo di allerta rapido alimentare (Rasff), in seguito “all’insorgenza di casi di sindrome emolitica uremica riconducibile al consumo di formaggi francesi a latte crudo”. I formaggi coinvolti, si legge ancora sul sito del ministero, provengono dallo stabilimento con numero di riconoscimento FR 26 281 001 CE e riguardano i prodotti Saint-Felicien (confezioni da 180 grammi) e Saint Marcellin (confezioni da 80 grammi). Il provvedimento riguarda tutti i lotti (da l 032 a l 116) dei marchi commerciali: Fromagerie Alpine, Carrefour, Reflet de France, Leclerc, Lidl, Auchan, Rochambeau, Prince des bois, Sonnailles e Prealpin. Il ministero “ha già provveduto ad allertare gli assessorati regionali alla sanità affinché verifichino il rispetto delle procedure previste”. La sindrome emolitico-uremica si manifesta con problemi del sangue (come anemia e riduzione delle piastrine) e dei reni, come insufficienza renale acuta. Nel 90% dei casi è associata a infezioni gastrointestinali. Fra i microrganismi che la causano, uno dei più frequenti è il batterio Escherichia Coli. L’ultima emergenza simile, relativa a contaminazione di prodotti alimentari, in Italia risale all’estate dell’anno scorso. In tutta Europa vennero ritirate migliaia di confezioni di verdure surgelate per il rischio di contaminazione da Listeria Monocytogenes: un batterio che dal 2015 nel vecchio continente dal 2015 ha causato 47 casi e 9 decessi. La contaminazione era avvenuta probabilmente in un’azienda in Ungheria. –