Giornale di approfondimento economico della BCC di Buonabitacolo

Reddito di cittadinanza un grande bluff.

redazione

Oltre il 70% degli assegni erogati per il reddito di cittadinanza supera i 300 euro mentre solo il 7% è compreso nella fascia tra 40 e 50 euro. A stimare l’importo è una nota Inps, che risponde così alle critiche di alcuni utenti della pagina Facebook dell’Istituto che avevano denunciato importi minimi, in alcuni casi inferiori a quelli del Rei. Secondo quanto riferito dal presidente Inps, Pasquale Tridico, l’operatrice protagonista delle risposte postate, che hanno scatenato polemiche e ironie social, “ha passato un pomeriggio in ospedale per controlli dopo una giornata di stress”. Intanto, si legge nella nota dell’istituto, “quasi 337mila degli importi erogati per il reddito di cittadinanza, pari al 71% delle prime 472.970 domande elaborate dall’Inps, superano i 300 euro. Il 50% è compreso nella fascia tra 300 e 750 euro, mentre oltre i 750 euro si attesta il 21% delle somme in pagamento. Soltanto il 7% è compreso nella fascia tra i 40 e i 50 euro”. Lo stato delle richieste e l’ammontare del reddito riconosciuto comunque, annota ancora l’Istituto, “può essere verificato sul sito dell’Inps attraverso il servizio online per la consultazione delle domande di reddito e pensione di cittadinanza. Si ricorda che per l’accesso a tale servizio è necessario disporre del pin Inps oppure dello spid o, ancora, della carta nazionale dei servizi (Cns)”.