Giornale di approfondimento economico della BCC di Buonabitacolo

Reddito di cittadinanza, domande dal 6 marzo per averlo ad aprile

redazione

Dal 6 al 31 marzo si potrà fare la domanda per accedere al programma del reddito di cittadinanza fin dal mese di aprile: lo ha annunciato il ministro del Lavoro e dello Sviluppo economico Luigi Di Maio, presentando il 4 febbraio a Roma il sito e la prima card del reddito di cittadinanza. “Stiamo rispettando il cronoprogramma”, afferma Di Maio, secondo il quale con questa misura si ristabilisce “il rapporto di fiducia tra Stato e cittadini”, c’è di nuovo “uno Stato amico che aiuta nei momenti di difficoltà”. “Nei prossimi anni inietteremo 8 miliardi di euro all’anno nell’economia reale” ha affermato il ministro spiegando che “nei primi 12 mesi come ministero offriremo almeno una proposta di lavoro sul territorio nazionale, non è una misura assistenzialista ma è una misura che dà fiducia alle persone”. In più, precisa Di Maio, è stata “costruita intorno alle imprese italiane: si è parlato tanto negli anni scorsi di riduzione del costo del lavoro lato impresa, ebbene chi assumerà o vorrà formare nell’ambito dell’impresa chi percepisce il reddito di cittadinanza potrà ottenere fino a 18 mesi di sgravi pari al reddito che stava percependo quella persona”. a domanda per accedere al reddito di cittadinanza potrà essere fatta a partire dal 6 marzo sul sito, presso gli uffici postali o in qualunque Centro di assistenza fiscale (Caf): occorrerà avere la certificazione l’indicatore della situazione economica (Isee) aggiornata (tra i requisiti figurano un Isee da 9.360 euro annui, essere lungo-soggiornante da almeno 10 anni di cui gli ultimi 2 in via continuativa, un patrimonio immobiliare non superiore a 30 mila euro esclusa la prima casa) mentre per farla online bisognerà anche registrarsi con l’identità digitale, e “questa – spiega Di Maio – sarà l’opportunità per avvicinare molti italiani alla digitalizzazione dell’identità”.