Giornale di approfondimento economico della BCC di Buonabitacolo

Prove tecniche di distensione tra Serbia e Kosovo.

di Lorenzo Peluso.

L’inviato speciale degli Stati Uniti per il dialogo tra Kosovo e Serbia, ambasciatore Richard Grenell, ha annunciato che è stato raggiunto un accordo di principio sulla creazione di una linea ferroviaria tra le capitali dei due paesi, Pristina e Belgrado. L’annuncio di un’intesa è stato fatto dallo stesso Grenell, il quale avrebbe riscontrato un parere favorevole sia a Pristina che a Belgrado, tappe della sua visita nella regione rispettivamente nelle giornate di ieri e oggi. Secondo il diplomatico Usa, i dettagli dell’accordo dovrebbero essere negoziati nei prossimi giorni da un gruppo di esperti. Questo possibile accordo segue quello annunciato nei giorni scorsi per la creazione di un collegamento aereo diretto tra Pristina e Belgrado. Il presidente statunitense Donald Trump ha espresso soddisfazione per l’intesa sull’avvio di un volo diretto Pristina-Belgrado operato dalle compagnie aerea tedesca Lufthansa. “Tutti dicevano che non poteva essere fatto. Ma per la prima volta nell’arco di una generazione, ci saranno voli diretti tra Serbia e Kosovo. Un’altra vittoria. Grazie all’ambasciatore Robert O’Brien e all’ambasciatore Richard Grenell”, ha dichiarato Trump in un tweet diffondendo la foto della cerimonia della firma della lettera d’intenti sulla ripresa dei voli tra le capitali di Kosovo e Serbia raggiunto nella sede dell’ambasciata di Whasington a Berlino alla presenza dei due diplomatici statunitensi. Anche il segretario generale della Nato, Jens Stoltenberg, ha commentato nei giorni scorsi l’accordo evidenziando come l’avvio di un collegamento aereo tra le capitali di Serbia e Kosovo sia un passo importante in grado di agevolare e velocizzare la circolazione delle persone e dei beni nei Balcani occidentali. Il presidente kosovaro Hashim Thaci ha espresso soddisfazione per la lettera d’intenti con cui la compagnia aerea tedesca Lufthansa ha manifestato la volontà di aprire una tratta aerea tra le capitali di Kosovo e Serbia, Pristina e Belgrado. “Questo è un importante passo per gli spostamenti dei cittadini e per il processo di normalizzazione dei rapporti”, ha dichiarato Thaci tramite il suo profilo Twitter, ringraziando anche l’inviato speciale per la regione del presidente Usa, Richard Grenell, per la lettera d’intenti siglata presso l’ambasciata di Washington a Berlino. Belgrado e Pristina potrebbero essere nuovamente collegate con una linea aerea, per la prima volta negli ultimi 20 anni. Secondo il direttore dell’Ufficio per il Kosovo del governo serbo Marko Djuric, “l’obiettivo è quello di raggiungere chiunque si senta serbo e chiunque si senta cittadino della Serbia sul territorio del Kosovo”.