Giornale di approfondimento economico della BCC di Buonabitacolo

Professione – Formazione, 60 crediti entro il 31 dicembre; da gennaio parte nuovo triennio per i giornalisti

di Massimo Marciano

Il regolamento della formazione professionale continua per gli iscritti all’Ordine dei giornalisti prevede che il triennio formativo abbia una durata fissa: il primo si è aperto nel 2014 e si concluderà il 31 dicembre 2016; dal 2017 si aprirà il secondo triennio, che si concluderà alla fine del 2019. Nell’arco del triennio occorre accumulare 60 crediti, dei quali almeno 20 devono essere di natura deontologica. Sempre il regolamento stabilisce che la formazione professionale è obbligo deontologico di ogni giornalista in attività, concetto ribadito dall’art. 2, lettera h, del Testo Unico dei doveri del giornalista. Pertanto, qualora non sia stato completato il ciclo formativo l’Ordine regionale competente invita il proprio iscritto inadempiente a mettersi in regola entro 90 giorni. Persistendo l’inadempienza, il Consiglio regionale dell’Ordine ne dà segnalazione al Consiglio di disciplina territoriale. E’ quindi possibile che l’inadempimento possa essere sanzionato con una sospensione dall’Albo. Il tuo caso, relativamente al 2014, è comune ad altri colleghi: la formazione è divenuta obbligatoria a partire dal 1° gennaio 2014 ma le attività formative sono iniziate con regolarità più tardi, per cui diversi colleghi nel primo anno formativo hanno accumulato pochi crediti. L’importante è che tu, anche seguendo i corsi online, raggiunga entro il 31 dicembre di quest’anno almeno 60 crediti per poter considerare assolto il tuo obbligo formativo per il primo triennio. Dal 1° gennaio 2017 inizierà il secondo triennio: tutti ripartiremo da zero crediti e quindi non sarà possibile utilizzare eventuali crediti in eccesso, oltre i 60 obbligatori, ottenuti nel primo triennio.