Giornale di approfondimento economico della BCC di Buonabitacolo

Potenza, l’Associazione Insieme Onlus presenta la “Ballata dei miracoli poveri” di Mimmo Sammartino

di Antonella D'Alto

Nuovo appuntamento culturale promosso a Potenza dall’Associazione Insieme Onlus, organizzazione senza fini di lucro costituita da operatori sociali, educatori, psicologi e psicoterapeuti, sociologi, psichiatri, volontari e animatori. Oggi pomeriggio, venerdì 7 febbraio alle 18, presso la Sala Borsellino dell’Associazione, si terrà la presentazione del nuovo romanzo di Mimmo Sammartino dal titolo “Ballata dei miracoli poveri”, un’immersione nel profondo del folclore meridionale e lucano, che prende avvio laddove finisce il precedente lavoro “Vito ballava con le streghe”. Un racconto di spaesamento che vede protagonosta il contadino Vito. Si è perduto in un bosco remoto e insieme alla strada ha perso tutto ciò che era. In questo spazio abitato da ombre e da fantasmi non sa più riconoscersi e allora cerca una nuova appartenenza, un possibile riscatto. La “Ballata dei miracoli poveri” è un viaggio sentimentale tra fiaba e mito, in una terra d’infanzia e di magia, fra pellegrinaggi, enigmi, balli e canzoni. L’Associazione Insieme Onlus, comunità per il recupero dalle dipendenze patologiche che sta diventando un vero presidio culturale per l’intera città di Potenza, propone dunque un nuovo interessante evento con la partecipazione della blogger letteraria Giuditta Casale che offrirà diversi spunti di riflessione intervervallati dalle note d’altri tempi dei Tamburi dei Briganti. “Apparentemente il proseguo narrativo di ‘Vito ballava con le streghe’ – ha affermato la nota blogger letteraria -, in realtà la ‘Ballata dei miracoli poveri’ è un ulteriore passo nella scrittura di Mimmo Sammartino, che rende il libro un prosieguo stilistico di ‘Il paese dei segreti addii’, nonostante il protagonista sia proprio il misero Vito, in preda al senso di colpa per aver causato la morte della moglie strega e alla ricerca di una fine che lo liberi ineluttabilmente da esso”.