Giornale di approfondimento economico della BCC di Buonabitacolo

Potenza, al via la digitalizzazione della rete elettrica

redazione

Potenza diventerà una città “sempre più smart, con interventi mirati e importanti” come il progetto di digitalizzazione e ammodernamento tecnologico della rete cittadina di E-Distribuzione – la società del gruppo Enel che gestisce la rete di distribuzione dell’energia elettrica in media e bassa tensione – e un investimento di 5,7 milioni di euro. Il progetto – illustrato al sindaco di Potenza, Mario Guarente, dal responsabile Sviluppo Rete di E-Distribuzione Area Sud, Roberto Zapelloni – è scritto in una nota – è stato finanziato dalla Regione Basilicata attraverso il bando Po Fesr, approvato a fine 2018. E-Distribuzione interverrà per la digitalizzazione e il potenziamento della rete elettrica lucana, ha spiegato Zapelloni, e “favorirà lo sviluppo delle fonti rinnovabili e un rapido ammodernamento delle reti elettriche. Grazie a questo progetto, migliorerà la vita dei cittadini di Potenza, la rete sarà in grado di accogliere ulteriore potenza da energia rinnovabile e saranno assicurate al contempo migliori performance ai produttori già connessi. La rete elettrica Potentina sarà ancora più affidabile, resiliente e intelligente, a tutto vantaggio di cittadini, clienti, imprese e produttori”. I progetti prevedono l’utilizzo di dispositivi tecnologici e apparecchiature innovative per la gestione intelligente della rete elettrica, con l’obiettivo di “favorire l’incremento della quota di fabbisogno energetico coperto da generazione distribuita da fonti rinnovabili. “Nei prossimi giorni stabiliremo il cronoprogramma – ha concluso Guarente – che chiederemo venga scrupolosamente rispettato, così come porremo grande attenzione al ripristino dei luoghi interessati dagli interventi. Chiediamo ai nostri concittadini la pazienza di sopportare i disagi che potrebbero verificarsi, data l’estensione delle zone interessate e la collaborazione nel ‘convivere’ con i diversi cantieri che si andranno di volta in volta a realizzare nell’interesse della collettività”.