Giornale di approfondimento economico della BCC di Buonabitacolo

Parlamento in vacanza già da oggi. 18 giorni di riposo “natalizio”

di Lorenzo Peluso.

Complimenti, complimenti davvero e naturalmente auguri. Cominciano infatti da oggi 22 dicembre, le vacanze di Natale per i parlamentari.  Hanno compiuto l’ultimo sforzo ieri con il voto sulla relazione che autorizza l’indebitamento fino a 20 miliardi per fare fronte alla crisi bancaria e poi alla Camera, il question time. Da ieri sera in realtà, tutti a casa, si torna al lavoro lunedì 9 gennaio a Montecitorio e martedì 10 a Palazzo Madama. Diciotto giorni di pausa per i deputati e diciannove per i senatori. Ieri anche le rispettive conferenze dei capigruppo che hanno già stabilito il calendario del rientro: la Camera è convocata il 9 gennaio alle 15.30 per la discussione generale sull’accordo di cooperazione nel settore della difesa tra Italia e Angola. Il Senato riapre martedì alle 16,30 con l’informativa del ministro del lavoro e delle politiche sociali, Giuliano Poletti, chiesta dalla Lega, quindi l’esame dell’insindacabilità di alcune dichiarazioni del senatore Gabriele Albertini nei confronti del procuratore aggiunto del capoluogo lombardo Robledo e la deliberazione di urgenza dell’istituzione di una Commissione parlamentare di inchiesta sul Monte dei Paschi di Siena. Mercoledì 11 gennaio alle 16,30 è stata già convocata una seduta comune del Parlamento per l’elezione di un giudice costituzionale in sostituzione di Giuseppe Frigo, dimessosi a inizio novembre. Questi i primi provvedimenti ad inizio nuovo anno; per i problemi dei cittadini, questione fiscale, lavoro, pensioni, Mezzogiorno, crisi industriale, scuola …. insomma c’è tempo. Auguri dunque ai “nostri” deputati e senatori.