Giornale di approfondimento economico della BCC di Buonabitacolo

Papa Francesco al G20: la priorità sono i poveri e i profughi

redazione

Papa Francesco scrive ai grandi della terra. “Nei cuori e nelle menti dei governanti e in ognuna delle fasi d’attuazione delle misure politiche c’è bisogno di dare priorità assoluta ai poveri, ai profughi, ai sofferenti, agli sfollati e agli esclusi, senza distinzione di nazione, razza, religione o cultura, e di rigettare i conflitti armati”. Così ha scritto Papa Francesco in un messaggio inviato ad Angela Merkel in occasione dell’apertura dei lavori del vertice del G20 ad Amburgo. “La gravità, la complessità e l’interconnessione delle problematiche mondiali – prosegue il Papa – sono tali che non esistono soluzioni immediate e del tutto soddisfacenti. Purtroppo, il dramma delle migrazioni, inseparabile dalla povertà ed esacerbato dalle guerre, ne è una prova. E’ possibile invece mettere in moto processi che siano capaci di offrire soluzioni progressive e non traumatiche e di condurre, in tempi relativamente brevi, ad una libera circolazione e alla stabilità delle persone che siano vantaggiosi per tutti”. “Tuttavia, questa tensione tra spazio e tempo, tra limite e pienezza, richiede un movimento esattamente contrario nella coscienza dei governanti e dei potenti. Una efficace soluzione distesa necessariamente nel tempo sarà possibile solo se l’obiettivo finale del processo è chiaramente presente nella sua progettualità”, conclude Francesco.